POESIE - SICILIA
Quannu mi mancunu li forzi
Siamo convinti di dare, di tendere la mano ma molto spesso non è carità è solo elemosina. A quanti come me, fanno ad una certa età, della vita: DONAZIONE
Dialetto: Sicilia

Quannu mi mancunu li forzi
Ci su jorna Patri Eternu
ca' 'nto ricogghiri 'npoviru
mi sentu che forzi,mancari.
'Pi curpa re me firiti,
a causa è:l'orgogliu e a me debulizza.
Patri Eternu,
mi pari 'mpussibili amari l'urtimi 'pi chiddu ca' su,
pirchì sempri esigenti e certi voti scuntrusa,
pirchì su sempri l'autri a sbagghiari.
Patri Eternu
lu me amuri si ferma 'nta diffirenza ri pinzeri,
ro culuri ra peddi,e ri milli pregiudizi.
Signuri,quannu i poviri m'addumannunu
e i so' esigenzi mi risturbanu,
nun mi fari scurdari
i to' paroli: E' to' frati!
Rapi l'occi tovi, nun viri vicinu a 'ttia
to' frati ca' ti cerca?
Fatti prossimu e runici 'a manu.
Rapi l'aricchia to'
nun senti a to' frati ca' ti ciama?
Fatti ristrurbari
e spartiti a spiranza e allustru ca' nasciu 'nto cori.
Rapi 'u to' cori c'è to frati
ca' sta aspittannu 'reri a potta.
Talijlu cu' binivulenza e racci paroli ri spiranza.


Traduzione in italiano

Quando mi mancano le forze
Ci sono giorni Padre Eterno
che nell'ospitare un povero
mi sento con le forze mancare.
Per colpa delle mie ferite,
a causa dell'orgoglio e della mia debolezza.
Padre Eterno,
mi sembra impossibile amare gli ultimi per quello che sono,
perché sempre esigenti e certe volte scontrosi,
perché sono sempre gli altri a sbagliare.
Padre Eterno
il mio amore siblocca nella differenza di pensieri,
dal colore della pelle, e di mille pregiudizi.
Signore, quando i poveri m'abbandonano
e le sue esigenze mi disturbano,
non farmi dimenticare
le tue parole e i tuoi fratelli!
Apri i tuoi occhi, non vedi vicino a te
tuo fratello che ti cerca?
Fatti prossimo e dagli la mano.
Apri il tuo orecchio
non senti a tuo fratello che ti chiama?
Fatti disturbare
e dividi la speranza e il chiarore che nasce nel tuo cuore.
Apri il tuo cuore c'è tuo fratello
che sta aspettando dietro la porta.
Guardalo con benevolenza e offrigli parole di speranza



Racconto inviato da: Paolo Campisi