POESIE - LOMBARDIA
La pocia
Da Rivoltella di Desenzano (Brescia).
Dialetto: Lombardia

La pocia
Me piàs che le gran póce en sö l’asfalt
ciàr, löster, vernizàt, tiràt a nöf,
che spècia töt chèl gris che gh’è quan piöf
e fa ridulà en bas el cél pö alt

a quacià zó i tacógn e a fa töt lis.
L’asfalt, col cél che s’è ‘ncolàt ensima,
l’è curiùs fis-fis pó quan smarina
co l’engropas del scür en mès ai griss.

St’aria la mèt adòs en só mia ché
sensa culùr me sènte gris pó me,
me ve òja de muìm, òja de libertà

mes-ciàm al ciel, me piazarés vulà.
Ma la pócia en sö l’asfalt la me rit dré:
vöi vulà però me càte mìs i pé.


Traduzione in italiano

La pozzanghera
Mi piacciono quelle gran pozzanghere sull’asfalto
chiaro,lucido, verniciato, rimesso a nuovo
che specchiano tutto quel grigio che appare quando piove
e fanno rotolare in basso il cielo più alto

a coprire tutte le toppe e tutto diventa liscio.
L’asfalto, col cielo incollato sopra
è speciale anche quando pioviggina
con quell’annodarsi dei cupi al perlaceo grigiore.

Quest’aria mette addosso un certo non so che
senza colore anch’io mi sento grigio,
mi viene voglia di muovermi, voglia di libertà

mescolarmi al cielo, mi piacerebbe volare.
Ma la pozzanghera mi deride:
vorrei volare ma mi ritrovo coi piedi inzuppati.

Racconto inviato da: Velise Bonfante