RACCONTI - SICILIA
Ri ca' vi trasi e ri dà vi nesci
Discussioni tra compari inerenti a problemi familiari. Ma c'è chi li sente e chi se ne frega.
Dialetto: Sicilia

Ri ca' vi trasi e ri dà vi nesci
Caru 'mpari Cola cu' a vui vi pari ca' rommi e riposa chissu potta la cruci chiù pisanti.Ata sapiri ca' certi voti l'apparanza 'ganna.Tutti avemu li guai cu' ciù picca e chiu chiossai.E vui cummari Ninetta chi pinzati! Riurdativi cu' 'pi cricchi e cu' 'pi crocchi, semu tutti 'nta li cracchi. Comu, chi significa mi riciti! Ata sapiri ca purtroppu tutti avemu guai. Vui nunn'aviti, miatidda vui. Ju vi ricu ri taliari bonu rintra a voscia casa e poi mi sapiti 'a diri.Ahh, avia raggiuni ju!, vosciu figghiu vi fici chianciri cu n'occhiu 'nti sti jorna. Comunqui agghiu caputu na cosa cara cummari Ninetta ca li rittu: Cu' nun avi pena ri li carni ri l'autri è pirchì li so' si l'ammuccia cumminta ca nenti pari.Veru è ca' si rici: Lu Signuri pinzò prima 'pi la so' varva, ma vui quali varva aviti, cummari bedda.'Nti la vita ri ognunu ci su cosi nighi o cosi rossi; cosi 'mpurtanti o menu stapi a nui sapiri comu nama cumpurtari. Cumpari Cola chi diciti, siti raccordu cu mia? Miatiddu vui, ca quannu si parra: ri ca' vi trasi e ri dà vi nesci Biniritici jemuni a cuccari ca si fici notti.


Traduzione in italiano

Di qui vi entra e di lì vi esce
Caro compare Nicola a voi vi sembra che dorma e riposi quello che porta la croce più pesante. Dovete sapere che in certe occasioni l'apparenza inganna. Tutti abbiamo guai chi di più e chi di meno. E voi, commare Antonietta, che pensate! Ricordatevi che chi per cric e chi per croc, siamo tutti appesi agli uncini. Come, cosa significa mi dite! Dovete sapere che purtroppo tutti abbiamo guai. Voi non ne avete, beata voi. Io vi dico di guardare bene dentro la vostra casa e poi mi saprete dire. Ah, avevo ragione io!, vostro figlio vi ha fatto piangere con un occhio (guai parziali) in questi giorni. Comunque ho capito una cosa cara commare Antonietta che il detto: Chi non ha pena delle carni degli altri è perché i suoi se li nasconde convinta che niente pare. Vero è che si dice: Il Signore pensò prima per la sua barba, ma voi quale barba avete, commare bella. Nella vita di ciascuno ci sono cose piccole e cose grandi; cose importanti o meno sta a noi sapere come ci dobbiamo comportare. Compare Nicola, voi che ne pensate, siete d'accordo con me? Beato voi, che quando si parla: di qui vi entra e di lì vi esce. Benediteci, andiamocene a coricare che si è fatto notte.

Racconto inviato da: Paolo Campisi