POESIE - VENETO
Le stajon

Dialetto: Veneto

Le stajon
Apena te vedi tornar le sesile
e i campi e i boschi xe tuta na festa,
e l'aria pi fina se veste de aprile,
te pensi: "La mejo stajon la xe questa".

Col caldo, el formento deventa de oro,
i fruti se gonfia col sole in leon,
la zente in vacansa la cata ristoro.
"Xe questa sens'altro la mejo stajon".

Co' i boschi se impissa de mile colori,
le tine de mosto, i maroni in paela,
disperde in te l'aria i profumi pi siori,
"L'utuno, te disi, la xe la pì bela!"

Ma apena che i monte se coerze de bianco
e involta el Nadale el la fa da Paron,
e torna pì bon anca l'omo pi sanco,
l'inverno deventa la mejo stajon.

El dì che te vivi xe sempre el pì belo,
el jeri el xe morto, mistero el doman;
la vita però ga de questo e de quelo:
dai nostri ricordi, vardemo lontan.



Traduzione in italiano

Le stagioni
Già solcan le rondini il cielo d'aprile,
i prati di fiori e l'erba novella,
i canti d'augelli nell'aria gentile,
ti sembran cantar la stagione più bella.

Ma ecco l'estate col "sol", gran signore,
adorna di frutti e di messe dorata;
ritempran le membra vacanze e calore:
migliore stagione ti par sia mai nata.

Dipinge le foglie di mille colori
il vento d'autunno odoroso di mosto,
di funghi e castagne dai grandi sapori:
il tempo migliore par giungere tosto.

S'imbiancan le cime dei monti lontani,
si spande il Natale nell'aria e nel cuore,
l'Amor di Betlemme pervade gli umani:
non v'è più bel tempo del tempo d'amore.

Se godi ogni istante del giorno novello,
non sia che il tuo ieri conosca l'oblio;
se sogni un doman che t'accolga più bello,
dal dì ch'hai vissuto tu pensa il desio.


Racconto inviato da: Floriano Zambon