POESIE - MOLISE
Pasque

Dialetto: Molise

Pasque
E' primavere, è Pasque e le campane
a corda sciote sònene a distese.

Tramezze a certe vie de paese
corre l'addore fresche de lu pane.

Rezuffulate dalla fiamma vive
lu fume va d'agnille e de capritte,
da porte antiche saje pe' li titte,
se perde tra le rame de li'live.

Gne sempre stanne pronte ciste d'ove
benedette;s'arfà la tavulate
che se battezze nghe lu vine nove.

Dallu camine tutte affumecate
lu Criste che sta appese pe' lu chiove
reguarde nghe le vracce spalancate.


Traduzione in italiano

Pasqua
E' primavera, è Pasqua e le campane
a corda sciolta suonano a distesa.

In mezzo a certe vie del paese
corre l'odore fresco del pane.

Spinto su dalla fiamma viva
va intorno l'odore di agnelli e di capretti,
da porte antiche sale per i tetti
si perde fra i rami degli ulivi.

Come sempre sono pronti cesti di uova
benedette; si apparecchia la tavola
che si battezza con il vino nuovo.

Dal camino tutto affumicato
il Cristo che sta appeso per il chiodo
guarda con le braccia spalancate.

Racconto inviato da: Antonino Di Donato