POESIE - SICILIA
Amuri, addiu a Paola ( 1^ lirica)
Ricordi dei ricordi: in questi giorni vedendo il tempo in odor di tempesta mi son tornate alla mente quando persi per sempre il mio primo amore N. B. è composta da tre poesie
Dialetto: Sicilia

Amuri, addiu a Paola ( 1^ lirica)
I nuvuli, 'nta nu disignu stranu
s'accavaddunu 'nto celu grigiu e niuru.
Purtati ro ventu 'nciauru ri tempesta,
vannu ciù luntanu ra riva ro mari e...
si diriginu vrsu 'u me Paisi.
Ju, rarrari na finescia, vaju taliannu
e mi riordu ca' menti 'du tristi jornu ro cinquantottu,
quannu l'aria facia fetu ri mustu e a furia ro mari
mi rissi 'nta ricchi:
" Chidda a cui tu vulijtu beni, nun po' turnari"
Autru ca' fantasia!, fu l'urtimu vasuni ri Paula mia:
" Amuri addiu!"
'Na littra arrivatumi ri luntanu, riciva:
"Paula nun c'è 'ciui ...è cu' Cristu 'nti l'Arcanu."


Traduzione in italiano

Amore, addio a Paola (1^ lirica)
Le nubi, in un grottesco disegno
si accavallano nel cielo grigio e scuro.
Portate dal vento in odor di tempesta,
oltrepassano la riva del mare e...
si dirigono verso la mia città.
Io, dietro un davanzale, sto ad osservare
e rimiro con la mente quel triste giorno del cinquantotto,
quando l'aere puzzava di mosto e la furia del mare
mi sussurrò all'orecchio:
"Colei che tu ami, non può più tornare".
Altro che fantasia!, fu l'ultimo bacio di Paola mia:
" Amore addio!"
Una lettera pervenutami da lontano, diceva:
"Paola non è più..., è con Cristo nell'Arcano".

Racconto inviato da: Paolo Campisi