POESIE - SICILIA
'neternu ju t'amu (2^ lirica)
Si aggancia alla prima pensando sempre a Paola
Dialetto: Sicilia

'neternu ju t'amu (2^ lirica)
'nta 'du mumentu, forsi Jacupu Ortis,picca rissi e fici 'nte so' littri,
"Mai, turmentu" l'arma mia rissi e campau...
comu a lu ventu ca' tra li rama ri eucaliptu ammutta e fa addivintari tristi
o scusciu ro ventu cuntinuu jttai na' vuci scuntentu:
"Maliritti, tutti quanti, po' me turmentu"
ma lu duluri mi fici ragiunari...
E penzu ca' ro tintu gestu fattu duluri:
Cristu ma' pirdunatu...Oh miu Signuri...
S9abbagglianu l'occi mei quasi astutati
'nte russur ro cielu scuru
E l'acqua, ca' lu carriri scusci cu' forza
riurdannumi i tacchi a augghia ri picciridda.
Doppu ca' l'aju stringiutu e pusatu li me manu
tra li so' minni e parrari labbra cu' labbra:
"'eternu ju t'amu"


Traduzione in italiano

In eterno, io t'amo (2^ lirica)
In quel momento, forse Jacopo Ortis poco disse e fece nelle sue lettere.
"Mai, tormento" l'animo mio disse e visse...
come al vento che tra i rami di eucalipto sferza e intristisce
al sibilar continuo gridai scontento:
"Maledetto, chiunque sia, pel mio tormento"
ma cagion mi fu il dolore...
E penso che del blasfemo gesto fatto nel dolore
Cristo m'abbia perdonato...Oh mio Signore...
Si abbagliano quasi i miei spenti occhi
agli arrossati bagliori in un cielo scuro
E l'acqua, dallo scroscio sferzante rumoreggia
in ricordo di tacchi a spillo di ragazzina.
Dopo l'aver stretto e posato le mie mani
tra i suoi seni e proferir labbra con labbra
"In eterno, io t'amo"

Racconto inviato da: Paolo Campisi