RACCONTI - SICILIA
Stanca si. ma sazia mai
La storia della Regina Giovanna d'Angiò, mangiatrice d'uomini e alfine del cavallo.
Dialetto: Sicilia

Stanca si. ma sazia mai
Caru cumpari Vanni, voli riri lu titulu ri sta storia, ca' si rici quannu nun si prova suddisfazioni 'nti na certa cosa. Pirchì chisti furunu l'urtimi paroli ritti ra Rigina Giuanna d'Angiò ro Regnu re rui Sicilii.Giuanna pigghiata ri na vuluntà senza fini ri lussuria, doppu ca' avia pruvatu cintnara e cintinara ri sudditi picciotti si misi 'ntesta ri pruvari 'ncavaddu ri munta o stadduni.orgogliu e vantu re riali scudirii ro Regnu.Però caru cumpari ra frasi: stanca si ma sazia mai, ni fa capiri ca dopu l'espirienza bistiali pruvata co' cavaddu nun ci resi suddisfazioni. Ata sapiri ca' lu rapportu ippo-riali è 'mmurtalatu 'nti la fantasiusa funtana ri Ciazza Pritoria ri Palermu.'Nto menzu ri diversi fiuri si viri a Rigina Giuvanna co' cavaddu ca lassunu chi pinzari. Eccu, picchi 'a li fimmini ri na certa qualità, quannu si ni mangiassunu ri ommini! I ciamunu e ci ricunu:chissa assimigghis s Rigins Giuanna. Cumpari menumali ca' li nosci fimmini nun ci'assimigghianu, se nò aniautri comu n'avissa finutu!?


Traduzione in italiano

Stanca si, ma sazia mai
Caro compare Giovanni, vuol dire il titolo di questa storia, che si dice quando non si prova sodisfazione in una certa cosa. Perché queste furono le ultime parole dette dalla Regina Giovanna d'Angiò del Regno delle due Sicilie. Giovanna presa da una frenetica lussuria, dopo aver provato una falange di giovani sudditi le venne l'idea di provare uno stallone, orgoglio e vanto delle reali scuderie del Regno. Però caro compare della frase: stanca si ma sazia mai, ci fa capire che dopo l'amplesso bestiale provato con il cavallo non gli diede soddisfazione. Dovete sapere che l'amplesso ippo-regale è immortalato nella fantastica fontana di Piazza Pretoria a Palermo. Nel mezzo di diverse figure si vede la Regina Giovanna con il cavallo che lasciano da pensare. Ecco, perchè alle donne di una certa risma,quando si divorerebbero nell'amplesso molti uomini. Li chiamano e gli dicono: quella rassomiglia alla Regina Giovanna.Compare meno male che le nostre donne non gli assomigliano, altrimenti a noi chissà come ci finisce!?

Racconto inviato da: Paolo Campisi