RACCONTI - SICILIA
'A spiritualità OFS 'nta puvirtà
Saggio di Spiritualità francescana.
Dialetto: Sicilia

'A spiritualità OFS 'nta puvirtà
‘A regula, ‘a prupusitu ra puvirtà, rici ca’ i francescani ana circari, ‘nto staccarisi e ‘nto fari, ‘na giusta rilazioni che cosi ra terra, ana renniri ‘ciù semplici l’esigenzi materiali e ri essiri cumminti ri siri sulu amministratori re beni canu ricivutu.. Ana puliziari bonu u cori ra tentazioni ri pusserriri e ri cumannari, quali “piddirini e furasteri” ca’ vanu caminannu versu ‘a casa ro Patri.
Chisti considerazioni ni portunu a riflettiri supa ‘u nosciu moru ri viviri, ri rappurtarini e cosi e supra ‘u fattu ca’ troppu spissu i caricami ri cosi ca’ nun su ‘a effettivi necessitù..’Nta sta nostra società re cosi ca’ si jettunu è na cosa ca’ si vivi troppu fotti e fa abbirriri ‘na strata ri vita ‘ciù ‘veru e, ‘a fini,’ciù filici se si campa ‘nto spiritu re beatitudini.
Fari ‘na speci ri ristaccure bisogni co’ munnu voli n’abbicina chiossai ‘sistema r’insignari ro nosciu Patri Siraficu ‘pi campari n’armunia cu’ tutti i criaturi.


Traduzione in italiano

La spiritualità OFS nella povertà
La regola, a proposito della povertà,dice che i francescanidevono cercare, nel distacco e nell’uso, una giusta relazione con i beni terreni, devono semplificare le esigenze materialied essere consapevolidi essere solo amministratori dei beni ricevuti. Devono altresì purificare il cuore da ogni tendenza di possesso e di dominio, quali “pellegrini e forestieri” in cammino verso la chiesa del Padre.
Queste considerazioni ci portano a riflettere sul nostro modo di vivere, di rapportarci agli oggetti e sul fatto che troppo spesso li carichiamo di valenze estranee alla loro effettiva necessità. In questa nostra società degli sprechi è un’indcazione esistenziale molto forte che fa intravedere un percorso di vita più autentico e,in ultima analisi,più felice se vissuto nello spirito delle Beatitudini.
Operare una sorta di distacco dai bisogni indotti dal nostro mondaci avvicina maggiormente all’insegnamento del nostro Padre Serafico per vivere in armonia con tutte le creature.

Racconto inviato da: Paolo Campisi