POESIE - LOMBARDIA
EL VÈCC LÖCHÈT
Da Rivoltella di Desenzano (Brescia).
Dialetto: Lombardia

EL VÈCC LÖCHÈT
El vècc löchèt, al frèt, de nòt, al scür
ligàt sö le ass màrse de ‘n restèl
el g’ha de tindìga a l’ortezèl.
L’è sul sulènt, mès rot, rözen ma dür.

Ve ‘n sa en rümur négher po ‘l sparìs
scundìt tramès el calèm e ‘l mürèt.
Fèrem sö ‘l cadenàs el vècc löchèt
el sdöcia entùren sensa mai muis.

Po ‘l spèta rìe matina per ciapà
la cara de na mà piena de cai
e n’öciada d’amur che söre i mai.

Tas po la nòt e la sta le a vardà:
per cunsulà en sospìr de sentinèla
dal ciel fin ché ve zo a tocàl na stèla.



Traduzione in italiano

Il vecchio lucchetto
Il vecchio lucchetto, al freddo, nel buio della notte
incatenato alle assi marce di un cancello
deve far la guardia all’orticello.
È solo e abbandonato
mezzo rotto, arrugginito ma tenace.

Si avvicina un rumore nero poi sparisce
nascondendosi fra il ciliegio e il muretto.
Vigile sul catenaccio il vecchio lucchetto
immobile controlla tutt’intorno.

Poi aspetta giunga il mattino per ricevere
la carezza di una mano incallita
e un’occhiata d’amore che lenisca ogni male.

Tace anche la notte e sorpresa guarda:
per consolare un sospiro di sentinella
dal cielo fin qui, a toccarlo viene una stella.

Racconto inviato da: Velise Bonfante