POESIE - CORSICA
So partuta in cuntinente
Una donna va in Continente dove stanno i suoi figlioli perchè si sentiva troppo sola col marito. Ma la nostalgia della sua isola l'assale sempre.Di Francesca BENEDETTI (Sposa MULAS)
Dialetto: Corsica

So partuta in cuntinente
So partuta in cuntinente
Duve so Ii mio figlioli
Perchè u moi maritu è eiu
Ci sentiamu troppu soli.

Ind’un paisolu caru
Ci aghju a mo casarella
Duve aghju tanti ricordi
Di quand'hè ch'era zitella

Appena si sorte fora
Si sente odore di machja
Si sente canti d'acelli
E corre Ii fiumicelli.

Da nantu à la mio tirazza
Quandu l’alba s’avvicina
Vecu risplende Ii monti
E richjarà la cullina.

So guasi una vichjarella
E aghju abbastanza giratu
Ma u mo core, o Cursichella
Indè tè l'aghju lasciatu.

Aghju vistu tante loche
Belli, ùn si ne po discrede
Ma cumè a mo Cursichella
Nisun’parte ùn si ne vede.

Si un ghjuvellu nantu à l'onda
Una perla à mezu mare
U to splendore o Cursichella
Ad'alcunu ùn si cumpare.

Vularebbe riturnà
Indè lu mio paisellu
Ma u mo core hè inchjuzzatu
Trà l’incudine è u martellu.

Ghjorni è notte à tutte l'ore
Cursichella, eo pensu à tè
I rimori di ste loche
Un so più fatti per mè.

Indè i nostri paisoli
L'abituali rimori
So i veli di e capre
E i canti di i pastori.

A la stretta di la notte
E per più di puesia
Un vechju di lu paese
Nè sonne l’Avè Maria.

Capu bassu, ognunu allora
Face u segnu di a croce
L'Agnus Dei in casa nostra
Si dicia à aIta voce.

So figliola di Ghjuvanni
E po di Filippinella
Salut'amichi è parenti
E po la mio Ochjatanella.


Traduzione in italiano

Sono andata in continente
Sono partita per il continente
sove stanno i miei figlioli
perchè mio marito ed io
ci sentiamo troppo soli.

In un caro paesello
ho la mia casetta
dove ho tanti ricordi
di quando ero ragazza.

Appena si esce fuori
si sente odore di magia,
si sente il canto degli uccelli
e lo scorrere dei ruscelli.

Da sopra la mia terrazza
quando l'alba s'avvicina
vedo risplendere i monti
e rischiarare la collina.

Sono quasi una vecchiarella
ed ho viaggiato molto,
ma il mio cuore, o Corsichella, l'ho lasciato presso di te.

Ho visto tanti luoghi
belli, non si può non credere,
ma come la mia Corsichella da nessuna parte se ne può vedere.

Sei un gioiello sopra l'onda,
una perla in mezzo al mare.
Il tuo splendore o Corsichella
a qualcuno non appare.

Vorrei tornare
presso il mio paesello,
ma il mio cuore è pressato
tra l'incudine ed il martello.

Giorno e notte a tutte le ore
Cursichella io penso a te,
i rumori di questi luoghi
non son fatti più per me.

Presso i nostri paeselli
gli abituali rumori
sono i belati delle capre
ed i canti dei pastori,

Nel profondo della notte
e per un di più di poesia
un vecchio del paese
suona l'Ave Maria.

Chinando il capo, ognuno allora,
si fa il segno della croce.
L'Agnus Dei in casa nostra
si diceva ad alta voce.

Son la figlia di Giovanni
e poi di Filippella:
saluto gli amici ed i parenti
e poi la mia Ochiatanella.

Racconto inviato da: Francesca Benedetti