POESIE - CALABRIA
Si rissuru li missi a Paterriti
Esortazione ai Reggini perchè si diano da fare.
Dialetto: Calabria

Si rissuru li missi a Paterriti
Si rissuri li missi a Paterriti
E non si rinnu cchiù missi cantati.
Si ficiuru li favi alli nasiti
E vinni l’ura mi vi li ccattati.

Rigitaneddi jeu vi ll’haiu a diri:
‘u chiagnisteu e i lastimi sunati
Rivau ‘u mumentu mi lassati iri
E cu cori la sorti m’affruntati.

Riggitaneddi vui non siti fissa
A tutti i bandi ci sta la vostra scenza
ma cca ndi nuji aviti sempri a lissa
e ambeci 'i ‘na cosa ndi faciti menza.

Ristati ccà, non iti alla ventura
Cca c’è lavuru su sapiti fari
Cca c’è ricchizza ntra li vostri mura,
A sorti vostra vi ll’ati a frabbicari.

U suli nasci e crisci ogni matina,
Parrati i menu è megghiu si faciti
Ca u locu è beddu e laria è puru fina:
aviti l’abbundanza e na viriti.


Traduzione in italiano

Si sono celebrate le messe a Paterriti
Si sono celebrate le Messe a Paterriti
e non si celebrano più messe cantate.
Si son maturate le fave negli orticelli
ed è giunta l'ora che voi li acquistiate.

Reggini io devo dirvelo:
il pianto e le lamentazioni gridate
è giunto il tempo che le abbandoniate
e con coraggio affrontiate la sorte.

Reggini voi non siete stolti,
in tutti i luoghi vi è la vostra intelligenza
ma qui da noi siete sempre contrariati
ed invece di fare una cosa intera ne fate solo mezza

Rimanete qua, non andate alla ventura,
qua c'è lavoro se lo sapete fare,
qua c'è ricchezza entro le vostre mura,
il vostro futuro dovete costruirlo voi.

Il sole nasce e cresce ogn i mattina,
parlate di meno ed è meglio se fate
che il luogo è bello e l'aria è anche pura:
avete l'abbondanza e no la sapete vedere.

Racconto inviato da: Giufà