RACCONTI - SICILIA
L'Icùna ro Cristu ca' cangia
Segue la seconda parte del Crocifisso di San Damiano
Dialetto: Sicilia

L'Icùna ro Cristu ca' cangia
‘pe cristiani re paisi urientali, l’icùna è ‘na rapprisintazioni ro Diu vivu, attraversu ri Iddu si ci ‘ncontra pirsunalmenti cu’ Diu ‘pi opira ro Spiritu Santu. L’icùna ri San Damianu è perciò l’u ‘ncuntrarisi pirsunali cu’ Cristu ‘ca à cangiatu fisiunumia. Diu ‘ca ‘a divintatu omminu, U Crucifissu cunteni a storia ra motti, risuscita, e ‘scinzioni ‘ngloria.
‘N’ammita ‘a tutti a farici patti cu’ ‘na firi viva e campata, propriu comu fici San Franciscu.
‘A motti ca’ ‘na salvatu ri Gesù ‘a viremu ‘nto Vangelu ri Giuanni ‘nta ‘na sirena rrigalità, e ‘stu Crucifissu ‘ni runa a prova pittorica. ‘Nun è ‘na cosa ca’ na’ surprisu ca’ San Franciscu vinissi attiratu ri sa’ icùna ‘nti l’ispirazioni ra so’ vita versu Cristu ca’ ci parrau”Vai e aggiusta ‘a me Cresia…”


Traduzione in italiano

L'icona del Cristo trasfigurato
Per i cristiani dell'Est, l'icona è una rappresentazione del Dio vivente, attraverso il quale si ha l'incontro personale con Dio per mezzo dello Spirito Santo. L'icona di San Damiano è quindi un incontro personale con il Cristo trasfigurato - Dio fatto uomo. Il Crocifisso contiene la storia della morte, risurrezione e ascensione in gloria.
Invita tutti noi a prendere parte con una fede viva e vissuta, proprio come ha fatto San Francesco.
La morte salvifica di Gesù è mostrata nel Vangelo di Giovanni nella sua maestà serena, e questo Crocifisso ne è la testimonianza pittorica. Non è quindi sorprendente che San Francesco fosse attirato da quest'icona e che l'ispirazione per la sua vita venisse da questo Cristo che gli parlò "Va', ripara la mia chiesa...."

Racconto inviato da: Paolo Campisi