POESIE - SICILIA
Lassimi 'u to rirriri
Dedico al volto di una donna che mi lasciò sperare.
Dialetto: Sicilia

Lassimi 'u to rirriri
Levimi ‘u salutu, nun mi talari
Ma ‘u to rirriri, no, nun mu livari
Nun mi stringiri i manu, nun rarimi ‘a rosa
Ma ‘u to rirriri lassimillu ‘pi na’ posa.

‘Ntà riva ro mari faati pur tari
lassa ca’ ‘u to rirriri mi fa annagari
ri l’unna janca e comu a spuma
comu ‘ndoiadema ca’ ‘ncuruna ‘u velu ri zita.

Musa aruci ‘pi mia ‘nta’l’ura fridda ra motti
Lassa ca’ ‘u to rirriri tucculia ‘nte me potti
E l’ecu ra notti ca’ rui corpi teni ‘nti l’amuri
Pozza ‘u to rirriri miricari chistu malatu cori.

‘Nzumma , s’a caputu , tuttu mi po’ livari
ma ‘ u to rirriri, ma lassari.





Traduzione in italiano

Lasciami il tuo sorriso
Toglimi il saluto, non mi guardare
ma il tuo sorriso, no, non me lo levare
non stringermi la mani, non darmi la rosa
ma il tuo sorriso, lasciami per una… posa.

In riva al mare fatti portare
lascia che il tuo sorriso mi faccia cullare
nell’onda bianca e spumosa
come un diadema che corona il tuo velo da sposa

Mia dolce musa nell’ora gelida di morte
lascia che il tuo sorriso bussi alle mie porte
e l’eco della notte che due corpi avvince nell’amore
possa il tuo sorriso lenire questo malato cuore.

E se ben hai capito, tutto mi puoi levare
ma il tuo sorriso me lo devi lasciare.




Racconto inviato da: Paolo Campisi