POESIE - PIEMONTE
À cuntrò

Dialetto: Piemonte

À cuntrò
Dialetto di Serravalle Scrivia (Alessandria)

Um piòza ricurdômla ksì kmè l'èa, a me cutrò,
streta fra dui müri 'd quee ka vègie
'ncu l'intonacu skrustò
'd mani màun kì e là kok magòun 'u spuntòva
ke u tàimpu bèla piàun u smasuòva.
A 'ndòva sü 'n salita, 'n tèra ug èa u risö,
è ciàpe da 'na pòrte e in mèzu u so ruzèin,
in sima, ug èa 'na pòumpa ataku aè pusu
e, a sùa, 'na Madona 'ncu è Bambèin.
Kuànti ricordiÝ!... As truvòrmu
tüti 'nsème 'nta piasèta
i fiöi a zügò aè balòun
è fie aè campanòun,
e done a fò a carseta.
Però... pè scurise o per scapò
è postu preferiu l'èa a me cuntrô.
Um suvena è so òumbre,
a nàive c'à fiucòva,
è codu da l'estè e l'ègua c'à ciucòva,
e done 'nturnu a poumpa 'ncu u sigèlu,
na taagnò asùa a Madòna
ca smiòva 'ag avese 'n velu. Um piòza ricurdômla 'ksì kmè l'èa...
chisà cos'k'à paghèsu
s'à putesa turnò 'ndrèa.




Traduzione in italiano

la Contrada


Mi piace ricordarla così com'era, la mia contrada.
Stretta fra due muri di quelle case vecchie
con l'intonaco scrostato
e ogni tanto, qui e là, qualche mattone spuntava
che il tempo, piano piano, consumava.
Andava su, in salita, per terra c'era l'acciottolato
le pietre da una parte e in mezzo il suo canaletto di scolo
in cima v'era una pompa accanto al pozzo
e, sopra di essa, una Madonna col Bambino.
Quanti ricordiÝ!... Ci ritrovavamo
tutti insieme nella piazzetta,
i ragazzi per giocare al pallone
le ragazze al campanone,
le donne a fare la calzetta.
Però... per rincorrersi e per scappare
il posto preferito era la mia contrada.
Mi ricordo delle sue ombre,
la neve che fioccava,
il caldo dell'estate e l'acqua che cadeva a catinelle,
le donne attorno al pozzo col secchio,
e una ragnatela sul volto della Madonna
che sembrava quasi un velo.
Mi piace ricordarla così com'era...
chissà cosa pagherei
se potessi tornare indietro.


Racconto inviato da: Gianni Bobbio