POESIE - PIEMONTE
Son perdume 'nt na
E' il boom delle rotonde: ovunque, anche dove non passano che pochi ciclisti ci ficcano una rotonda.Questo stranot è dedicato ad un amore nato in una rotonda.
Dialetto: Piemonte

Son perdume 'nt na
Son perdume 'nt na rotonda
ant j'eui bleu 'd na bela bionda.
Son lassame cojoné....

Mangio nen per sta morfela.
Neuit e dì son lì a sognela.
L'ha robà ij mè pensé

Giro giro me na sfera
son ficame 'nt na galera
e continuo a deperì.

Con el soris ed la Gioconda
cola bela vagabonda
l'ha ancantame 'me 'n pipì.

Son cascaije 'me 'n balengo
e per nen andé a ramengo
per salveme son scapà.

Ma l'é inutil che me sconda:
tutt el mond l'é na rotonda
che an riporta a chila là.

Sarà fòrse na sartòira,
o magari na pentnòira,
Col sarà el sò mesté ?

Mi veui pà campeme an Dòira
mach per colpa 'd na pissòira !
son peui nen così beté.


Traduzione in italiano

Mi son perso in una rotonda
Mi son perso in una rotonda
negli occhi blu d'una bella bionda,
mi sono lasciato abbindolare.

Per quella donna non mangio più
la sogno giorno e notte
si è rubata i miei pensieri

giro e rigiro come una palla,
mi sono chiuso in una galera
e continuo a deperire

Con un sorriso alla "Gioconda"
quella bella vagabonda
m'ha incantato come un pulcino.

Ed io ci sono cascato come un pirla
e per non andare a ramengo
ho cercato di salvarmi fuggendo.

Ma il nascondermi è inutile:
tutto il mondo è una rotonda
che mi riporta a lei.

Sarà forse una sartina
o magari una parrucchiera
Quale sarà il suo mestiere ?

Non mi voglio suicidare
solo per colpa di una sciaquetta:
non sono poi cosi' idiota !

Racconto inviato da: Gianni Soria