POESIE - PIEMONTE
Na tassa d'cafe'
Un altro mio stranot piemontese dedicato al momento del caffè.
Dialetto: Piemonte

Na tassa d'cafe'
Chi a cria ns'la piassa
chi l'ha macc d'la ganassa
e a batt la grancassa
per fesse vote'.

Chi invece s'la spassa
a beiv e a smangiassa:
chi a fa' na vitassa
sensa un cio' da ciuce'.

Chi a fa la lumassa
chi a curr e a surpassa
fintant c'a s'fracassa
e ampara a guide'

Guardo cola biundassa
che a passa e ripassa:
per rumpe la giassa
am dagu da fe',

ma cula slandrassa
l'e' macc na paiassa
a fa' la bagassa
laste pa' cojone'.

Chi a s'cerca chi a s'lassa
chi a s'odia chi a s'massa
per i sold, per la rassa
o sensa un perche'.

La vita e' na piassa:
chi a batt e chi arcassa,
chi s'na va' con la cassa...
e chi sta' a guarde'!

A l'e' mei piela pi bassa
a sta meij chi a s'rilassa
davanti a na tassa
......na tassa ed cafe'


Traduzione in italiano

Una tazza di caffe'
Chi urla nelle piazze
chi ha solo chiacchiere
ma batte la grancassa
per farsi votare.

C'è chi se la spassa
beve, mangia a crepapelle
e chi fa' una vitaccia
per sbarcare il lunario.

Chi va piano come una lumaca
chi sorpassa tutti
ma va a schiantarsi
ed impara a guidare.

Guarda quella biondona
che passa e ripassa:
mi do' da fare.
per rompere il ghiaccio

ma quella biricchina
è una donnaccia
e fa la puttana
non fatevi illudere.

Chi si cerca, chi si lascia
chi si odia e si ammazza:
per soldi, per la razza
o senza un perché.

La vita è una piazza
dove c'è chi gioca,
chi vince e chi perde,
chi tiene la cassa
e chi sta' a guardare.

Ma noi prendiamola più bassa
ci si rilassa meglio
davanti ad una tazza
... di caffè.

Racconto inviato da: Gianni Soria