POESIE - CAMPANIA
Battibbecco
La saggezza delle persone anziane è fonte di ricchezza e di giovinezza; è quella ricchezza spirituale che infonde coraggio nell'affrontare la quotidianità della vita e che non ha nulla da invidiare ai giovani che hanno a loro favore la gioventù "anagrafica", ma che è pur sempre aleatoria.
Dialetto: Campania

Battibbecco
“Uè, piccerè…tu me hâ sta a sente...”
Stu pparlà alquanto aggitato tra ‘na vecchiarella cu’ ‘a pelle
menz’arrepecchiata e ‘na figliulella fresca e pampanosa
me ‘ntrica e, pirciò, voglio capisce‘o punto d’’a custiona.
“No, bella mia, so’ ije cchiù ricca e mo’ t’’o spieco.
Tu saje c’aggia sufferto, aggia penato, aggia luttato
e, stuorto o stracqua, sempe’a vittoria int’’a sacca
aggia purtata. Aggi’assapurato l’ammore e ll’ati ccose
c’hanno fatto bella ’a vita e tengo ancora tanta forza
ca nun veco né a te né a tanta giuvene comme a tte”.

‘A signurenèlla ‘a lassa parlà pecché ‘e ccose ca’ dice,
nun se po’ necà, so’ accorte e sistemate ma po’, saputa saputa,
lle responne: “Oi nanò, pecché nun me sparagne sti parole
e cunviene cu’ mme ca so’ ije cchiù ricca ‘e te?
Ije te vulesse accuntantà, ma tengo da’ parta mia
‘u sciore cchiù frisco, cchiù apprufumato d’‘a primmavera,
e- te pare niente?- tengo ‘a giuventù”.

“Figlia mia- responn’‘a vecchia- tu haje raggiona e, pirciò,
puozz’aunnà comm’a messa cantata. Anze, sai cche te dico?
Pìgliete ‘o bbuono mo’ ca ‘o malamente vene sulo sulo”.
Po’, cu’ ‘na resella … “Cuncettì, nce vole l‘arca ‘e scienza
pe’ capisce c’‘a giuventù da sola nun abbasta?
Chesta se perde p’’a via… Vire a mme…
E allora che te rumane?

A mme è rumaste ‘nu brillocco cchiù lucente d’’o sole,
‘nu bbene ca sap’’e fantasia, canuscenza ed esperienzia.
Pirciò, comm’‘a vuote e comm’‘a gira, so’ sempe
ije cchiù ricca ‘e te”.
Comm’a nu fràulo sésca cuntenta
e …passa l’angelo e dice ammènne.


Traduzione in italiano

Battibecco
“Oh, ragazzina …stammi a sentire…”
La discussione alquanto sostenuta tra una vecchierella con la pelle
grinzosa e una giovinetta fresca e gioiosa
mi incuriosisce e, perciò, voglio capire l’essenza della questione.
“No, bella mia, sono io più ricca e te lo spiego.
Tu sai che ho sofferto, ho patito, ho lottato
e, in un modo o nell’altro, ho vinto sempre;
ho assaporato l’amore e tutto quello che ha reso entusiasmante la vita,
ma sono ancora piena di tanta forza
che né tu né tanti giovani come te posseggono”.

La signorinella la lascia parlare perché le cose che dice,
non si può negare, sono accorte e giudiziose ma poi, con fare saccente,
le risponde: “ Ohi, nonna, perché non mi risparmi le tue chiacchiere
e convieni con me che sono io più ricca di te?
Io vorrei accontentarti, ma ho dalla mia parte
il fiore più fresco, più profumato della primavera,
e- ti pare poco?- ho la gioventù”.

“Figlia mia – risponde la vecchia -, tu hai ragione e, perciò,
che tu possa avere tutta la gioia di questo mondo. Anzi, sai che ti dico?
Afferra dalla vita tutto il bene che puoi perché le cose brutte vengono da sole”.
Poi si riprende e con una risatina… “Concettì, ci vuole un pozzo di scienza
per capire che la gioventù da sola non è sufficiente?
Essa si perde lungo strada… Guarda me…
E allora che ti resta?

A me è rimasto un gioiello più splendente del sole,
un bene che sa di fantasia, conoscenza ed esperienza.
Perciò, come la volti e come la giri, sono sempre
io più ricca di te“! Come un flauto fischia contenta
e… passa l’angelo e dice Amen.

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio