POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
El dono pu bèl
E' il grido della ritrovata sovranità della coscienza, che si ribella alle arroganti sovranità del potere e del denaro; è il grido che ricorda quello del salmista che si rivolge implorante al Signore del mondo e della storia perché si faccia nuovamente vivo: " O Dio non restartene in silenzio, non tacere, non rimanere inerte" (salmo 83). Tratta da: Guido Leonelli, "Sgéve de vita"; Nuove Arti Grafiche, Trento 2002.
Dialetto: Trentino Alto Adige

El dono pu bèl
Varda fòr
da quéi nugoloni négri
che i te sconde via,
vèi zo da lassù Sioredìo
a véder come che i à ridot
el to creato
quéi quatro stròleghi berloni
che i lo goèrna.
Vèi zo ancòi,
giornada de la paze,
'ntant che 'n mili guère
i sbara e i se copa:
sbrizzade de sangue ancor calt
entrà muràie del fil spinà
de canoni e cararmadi
de tòchi de còrpi,
taberàcoi de Dio,
da trar en past a vèrmi famadi.
Ghe 'l dìset ti
a sta zènt desperada,
che no l'à mai godèst
el lusor del sol quan che 'l nasse
'ntél cant silenzioso de la paze,
che la vita
l'è 'l to dono pu bèl?


Traduzione in italiano

Il dono più bello
Guarda fuori
da quei nuvoloni neri
che ti nascondono,
vieni giù da lassù Signoreddio
a vedere come hanno ridotto
il tuo creato
quei quattro pazzoidi ciancioni
che ci governano.
Vieni giù oggi,
giornata della pace
intanto che in mille guerre
sparano e si ammazzano:
spruzzi di sangue ancor caldo
fra muraglie di filo spinato
di cannoni e carri armati
di pezzi di corpi,
tabernacoli di Dio,
da gettare in pasto
a vermi affamati.
Glielo dici tu
a questa gente disperata,
che non ha mai goduto
lo splendore del sole quando nasce
nel canto silenzioso della pace,
che la vita
è il tuo dono più bello?

Racconto inviato da: Guido Leonelli