POESIE - CAMPANIA
Specchio delle mie brame
Spiritosa e, insieme, malinconica è l'immagine riflessa in quello specchio che segna l'ineluttabile scorrere del tempo che, cinicamente, si appropria della salute, della freschezza e della giovinezza-in questo caso-delle donne.
Dialetto: Campania

Specchio delle mie brame
È proprio overo, nun c’è cosa cchiù affatata,
ma cchiù curiosa, cchiù ‘ntricante e cchiù spiona
‘e stu piezz’’e tulètta.
Se dice ca è n’amico sincero,
franco e liàle, uno ca nun conte mai buscìe,
uno ca dice pane ‘o ppane,
uno c’appresent’‘a rialtà attale e quale.

Ammesso c’accussì è, tutto fila liscio
si chella ca se specchia è pe’ natura fresca,
bella e vellutata comm’’a na rosa‘e primavera.
Allora, cuntenta se ‘uarda ancora
e, careca d’ardenza, vaje annanze.

Ma cche succere si una già nun è bella
o si, passanno l’anne,
chella rosa s’appasulejia e se ‘nzecchisce?
Addeventa gelósa e mmeriósa
e nun campa cuntenta;
cuntrolla ‘e zampe ‘e ‘allina,
‘a pell’arrepecchiata, ‘a faccia scesa,
appesantuta e appagliaruta
e, proprietarie ‘e tutte sti bellezze,
s’appecundrisce;
oppure, sfacciatamente, daje ‘a colpa
a chillu piezz’’e vetro
dicenno ca è fauzo e sturceneja ‘e ccose.

Ma ogne scarpa addeventa scarpone!
E pirciò, nun facimmo macchiette,
nun damme ‘a colpa ‘e specchie
pecché è ’o tiempo ca è mariuolo assaje,
s’arrobba ‘a freschezza, ‘a salùte e ’a giuvinezza.



Traduzione in italiano

Specchio delle mie brame
È proprio così, non c’è cosa più fatata,
ma più strana, più intrigante e più indiscreta
di questo pezzo di toeletta.
Si dice che è un amico sincero,
franco e leale, uno che non racconta mai bugie,
uno che rappresenta la realtà così com'è.
Ammettiamo pure che le cose stiano così,
tutto fila liscio se colei che si specchia
è di per sé fresca,
bella e vellutata come un rosa di primavera.
Allora, soddisfatta, si guarda ancora
e, carica di ardore, va incontro al futuro.

Ma che succede se una persona già non è bella
o se, passando gli anni,
quella rosa appassisce e si rinsecchisce?
Diventa gelosa e invidiosa
e non vive contenta;
controlla le rughe intorno agli occhi,
la pelle spiegazzata, la faccia scesa,
appesantita e secca come paglia al sole
e, proprietaria di tutto questo ben di Dio,
s’intristisce; oppure, con sfacciataggine,
dà la colpa a quel pezzo di vetro
affermando che è falso e storpia le cose.

Ma ogni scarpa diventa scarpone!
Perciò, non siamo ridicole,
non diamo la colpa agli specchi
perché è il tempo che è ladro,
ci ruba la freschezza, la salute e la giovinezza.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio