POESIE - CAMPANIA
E 'a vita cuntinua ancora...
La vita è una cosa seria; sta a noi darle una colorazione viva, solare, anche quando la cattiva sorte si abbatte sulla nostra esistenza. Basta un pizzico di sano ottimismo e la notte cederà il posto all'alba.
Dialetto: Campania

E 'a vita cuntinua ancora...
Filosefe, ggente ‘mparata
ca canosce ‘o scibbile umano,
doppo tanta discussione, nun so’ arrivate
a nisciuna concrusione
e, pirciò, ancora mo’ s’addumanneno:
“De cche culore è ‘a vita”?
Eh già, chiste è ‘nu busille…
I parére so’ cuntrastant’assaje:
c’è chi dice ca è griggia e chi janche,
chi ‘nce vere ‘o russo e chi ‘o vverde,
chi giura ca è azzurra e chi rosa
e chi, purtroppo, nce assapora
tutt’‘o scurore do’ munno.
E allora, comme se fa a stabilì
‘u culore vero ‘e chesta vita?
Forse nun c’è nisciuna soluzione,
forse hanno raggione e tuorto tutte quante.
Agnarune campa comme sente ‘o core
agnarune vive ‘a rialtà da’ vita a modo suojo.
Ma p’esperienza, me so’ fatta ‘a cunvinzione
ca tutt’i culure ‘e l’arcobbaleno,
cu’’e gradaziune e i mmenze tinte,
trapasseno ‘o cielo dell’esistenza nosta!
Vuje m’obbiettate ca nun sempe chesto è overo
ca so’ chiacchiere senza funnamento,
ca so’ fantasia, immagginazione, suonne
e niente cchhiù, pecché tanta vote
‘a sciorta neura arriva tra capa e cuollo
e, cu’ priputenza, piglia pussesso
‘e ll’anema nosta levannece ‘a saluta
e, peggio ancora, privannece di’ ppersone
a nuje cchiù care.
Ma - sempe p’esperienza -ije ve dico
ca proprio tanno è ’o mumento
‘e culurà chell’esistenza murtificata,
abbattuta, addulurata, stutata,
mettennose int’’e mmane do’ Signore,
spennellanno ‘a speranza ‘e sciure
‘e primavera, ‘nu poco ‘e cielo azzurro,
‘na spruzzata ‘e matreperla,
‘na striata ’e sole sprennente,
pe’ veré vivere n’ata vota ‘a vita ‘mpietto a nuje!



Traduzione in italiano

E la vita continua ancora...
Filosofi, uomini di cultura
che conoscono lo scibile umano,
dopo tante discussioni, non sono giunti
a nessuna conclusione e, perciò, ancora
adesso si chiedono: “Di che colore è la vita”?
E già, questo è un problema serio…
I pareri sono assai contrastanti:
c’è chi dice che è grigia e chi bianca,
chi vi vede il rosso e chi il bianco
chi giura che è azzurra e chi rosa
e chi, purtroppo, vi assapora
tutto il buio di questo mondo.
E allora, come si fa a stabilire
il colore vero di questa vita?
Forse non c’è nessuna soluzione,
forse hanno ragione e torto tutti quanti.
Ognuno vive come sente il cuore
ognuno vive la realtà della vita a modo suo.
Ma per esperienza, mi sono convinta
che tutti i colori dell’arcobaleno,
con le gradazioni e le mezze tinte,
attraversano il cielo dell’esistenza nostra!
Voi mi obiettate che non sempre questo è vero
che son chiacchiere senza fondamento,
che sono fantasia, immaginazione, sogni
e niente più, perché tante volte la sfortuna
arriva tra capo e collo e, con prepotenza,
s’impossessa dell’anima nostra
privandoci della salute e, peggio ancora,
delle persone a noi più care.
Ma - sempre per esperienza -io vi dico
che proprio quello è il momento di colorare
quell’esistenza mortificata,
abbattuta, addolorata, spenta,
mettendosi nelle mani dell’Onnipotente,
spennellando la speranza dei fiori di primavera,
di un po’ di cielo azzurro,
di una spruzzata di madreperla,
di un raggio di sole splendente,
per veder ancora vivere la vita dentro di noi!



Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio