POESIE - CAMPANIA
Spalanca 'e pporte 'o sole
L'ansia, il desiderio di vedere la persona amata tormenta l'animo di chi si è innamorato della persona sbagliata. Questi trova finalmente il sorriso nel momento in cui offre il suo volto al sole, fonte di luce e di calore.
Dialetto: Campania

Spalanca 'e pporte 'o sole
È scesa ‘a sera e pure sta jurnata
se n’è gghiuta ‘nfumo senza ‘e te.

E se fa cchiù scura ‘a notte
e cchiù affliggente ‘a smania ‘e te vedè.
‘O core me turmenta e se turmenta
e nun s’arreposa, nun trova arricietto
vaje arreto cu’ i penziere
e se perde n’ata vota
dint’’o nniro ‘e ll’uocchie tuoje.

Po’, ‘a notte se fa juorno, ll’anema
liggera me vesbiglia:
“Agge pacienzia, leva ‘stu scurore
‘a copp’’a faccia, assaggia
i colori della vita, spalanca ‘e pporte
‘o sole, fall’ascì, falle ridere ancora”.

L’ammore fauzo e malantrino
ca strapazzava ’o core
e l’arravugliava int’all’ombre di’ penziere
e di suspiri, s’alluntanaje da me
e cu’ ‘na scutelejata ‘e capa
libberaje ‘e catene da’ malincunia.



Traduzione in italiano

Spalanca le porte al sole
Si fa buio ed anche questa giornata
se n’è andata in fumo senza di te.

E diventa più nera la notte
e più struggente la smania di vederti.
Il cuore mi tormenta e si tormenta
e non riposa, non si tranquillizza
torna indietro con i pensieri
e si perde ancora nel nero degli occhi tuoi.

Poi, alla notte succede il giorno,
l’anima leggera mi bisbiglia:
“Abbi pazienza, elimina quel buio dal tuo viso,
assaggia i colori della vita, spalanca
le porte al sole, fallo uscire, fallo ridere ancora.

L’amore falso e malfattore
che mortificava il cuore
e l’avvolgeva nell’ombra dei pensieri
e dei sospiri, si allontanò da me
e con uno scossone
liberò le catene dalla malinconia.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio