POESIE - CAMPANIA
'E gghiasteme
Bestemmiare, lanciare anatemi son forse la cosa più ripugnante per una persona. Questo modo di fare denota, infatti, sterilità di cuore, infinito degrado della persona e assoluta mancanza di rispetto per la vita propria e degli altri.
Dialetto: Campania

'E gghiasteme
Che brutta cosa so’ ‘e gghiasteme!
Te vuote e te gire e siente parole toste
ca’ nun s’àusano manco pu’ peggio nimico
e invece, spisse vote so’ dirette propri’‘e figli.

S’ha dda tène nu core triste, sicco assai
pe’ putè dicere ‘a na pover’anema ‘e Ddio
“Puozze jettà ‘o sanghe,
puozze murì sott’‘a nu trenu,
puozze fa ‘a fina di’ botte a mmuro,
t’ ê puozze mangià ‘e mmerecine…”

Ma quanno hê muorto cche lasse ncopp’’a sta terra?
Cche s’arrecorda ‘a ggente ‘e te?
Niente, manc’‘o nome.

E allora, sta a sente a mme. ‘A vita è superiore a tutto
nun s’affossa cu’’e gghiasteme toje, ma arrecoglie
e zuca tutto ll’ammore ca agnarun’‘e nuje po’ dda’.



Traduzione in italiano

Le bestemmie
Che brutta cosa sono le bestemmie!
Dovunque lo sguardo giri non senti che parole dure
che non si userebbero nemmeno per il peggior nemico
e, invece, spesso sono indirizzate ai propri figli.

Si deve avere un cuore decisamente malvagio
per poter dire a una povera creatura
“che tu possa morire ucciso”,
”o sotto un treno “
“che possa scoppiare e disintegrarti”
“che possa spendere i tuoi soldi in farmacia”….

Ma quando sarai morto, quale eredità lasci ai tuoi figli?
Che cosa ricorderà la gente di te?
Nulla, nemmeno il nome.

E allora, dammi retta. La vita vale più di ogni altra cosa
Non si affossa con le tue bestemmie, ma raccoglie
e succhia tutto l’amore che ognuno di noi può dare.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio