POESIE - CAMPANIA
‘A caruta
Non bisogna mai fidarsi della buona sorte che, all'improvviso, cambia aspetto e si tramuta in malasorte. Sarà poi assolutamente difficile risalire la china.
Dialetto: Campania

‘A caruta
Gnorsì, è propio accussì!
Mentre pienz’’e campà cuntente e sudisfatte
‘a sciorta, a ‘na vutata d’uocchio,
cagna faccia e, comm’a nu cusetore
sopraffino, te mbastisce ‘ncuollo
‘u cappotto cchiù scicco
e cchiù fine da’ meglia sarturìa.
E allora…tiene a mmente ‘na partita a carte?
Si accummienze a pèrde, te ‘ncapunisce
e pierde e juoche e pierde ancora
fino a quanno nun ce arrefùnne tutto,
l’uva, l’aceno e ‘o panaro,
i bbene, ll’amice e a dignità.
Accussì, ‘o cavalle tant’avantate s’arredùce
a carrià prète”.
E quanno ‘a sfurtuna, arrassusìa,
t’acconza bbuone pi’ ffeste
sfravecanno tutt’i castielle tuoje, ‘e botto,
te truove sulo sulo a carrià ‘sti pprete
e…llà te voglio, zuoppo, a sta sagliuta!



Traduzione in italiano

La caduta
Sissignore, è proprio così.
Quando pensi di vivere contento e soddisfatto
la fortuna in un batter d’occhio
cambia aspetto e, come un sarto
sopraffino, ti imbastisce addosso
il cappotto più chic
e più “elegante” della migliore sartoria.
E allora…hai presente una partita a carte?
Se cominci a perdere, ti intestardisci
ma perdi e giochi e perdi ancora
fino a quando non ci rimetti tutto,
l’uva, l’acino e il paniere,
i beni, gli amici e la dignità.
Così il cavallo tanto lodato si riduce
a trasportare pietre”.
E quando la sfortuna, Dio non voglia,
ti aggiusta ben bene per le feste
abbattendo tutti i castelli tuoi, all’improvviso,
ti trovi assolutamente solo a trasportare le pietre.
e…là ti voglio, zoppo, alla salita!



Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio