POESIE - CAMPANIA
Ricordi lontani
Portar fuori dal pozzo della memoria i ricordi di un tempo, svanito con la stessa rapidità di un fulmine, è malinconia per chi come me vive lontano dal proprio paese, ma è anche la constatazione che senza il passato, basamento solido della nostra esistenza, non vi può essere nè la consistenza del presente nè la speranza del futuro.
Dialetto: Campania

Ricordi lontani
M’affaccio ‘a luggetella da casa ‘e mamma mia
e assaporo ll’aria fina ‘e primma matina.
All’intrasatta, ‘na vucella doce doce,
ma sempe cchiù ‘nzistente, me vesbiglia
dint’ ‘o core.
“ Scètate, me dice, guàrdate attuorno,
nun te scurdà ca chesta è ‘a vita toja”.
Sule sule ll’uocchie se voteno sbirciano,
annaspano…e chianu chiane fanno ‘o punto.

‘E botto, ‘uardo ll’acqua d’’o vallone
e penz’ ‘a vita mia ca comme ‘o sciumme
cuntinua ‘o curzo suoje e nun se ferma mai.
A vvote, è vero, quacche ‘ntruppeco
le ‘nzerra ‘a via, ma isse gira attuorno
scravacca e se ne vaje cchiù felice ‘e primma.

E intanto, ll’uocchie guardano luntano…
scavano, cercano quaccosa ca nun trovano.
Chi sta’ luntano comme a mme vulesse
ca i ricuorde fossero rijale, vulesse veré
ancor’‘a chiena e ‘a paura ca te stringive ‘o core…

L’acqua comm’ ‘a na furia
se trascenava appriesso ‘o bbuono e ‘o malamente.
E ‘o rumore…
Era accussì assurdante ca trasive dint’ ‘e suone.
Comm’ ‘a ‘na calamita t’attirava,
e allora saglive ‘e corsa ‘a loggia ‘e coppa
pe’ vedè meglio i ggiri e i contraggiri…
Che forza ‘e natura!
Ll’acqua se vutava, se ‘ngravugliava
e po’ viulentemente s’alluntanava.

Quanno torno cu’ ‘a mente luntano pure i penzieri
miei se ‘ngravoglieno…
‘O passato, punto fermo d’‘a vita mia
addo’ tutt’’e sentimente se so’ furmate, se mmisca
cu’ ppresente càreco d’ammore, ardenze, smanie,
prugiette e speranze.



Traduzione in italiano

Ricordi lontani
Mi affaccio al terrazzino della casa di mamma mia
e assaporo l’aria fresca e dolce del mattino.
All’improvviso, una voce sottile e delicata,
ma sempre più vitale e penetrante,
sussurra nel mio cuore.
“Svegliati, mi dice, guardati intorno,
non dimenticare che questa è la vita tua”.
Come spinti da forza magnetica, gli occhi si girano, spiano,
arrancano e proseguono…e lentamente fanno il punto.

Di colpo, guardo l’acqua del vallone
e penso alla mia vita che proprio come il fiume
continua il suo corso e non si ferma mai.
E se pure qualche intoppo
gli intralcia il cammino, lo attornia
o l’oltrepassa e scorre via più contento che mai.

E intanto gli occhi guardano lontano…
scavano, cercano qualcosa che non sempre trovano.
Chi come me sta lontano dalla sua terra
vorrebbe che i ricordi fossero tangibili, reali;
vorrebbe vedere
ancora la piena che stringeva il cuore…

L’acqua come una furia
trascinava tutto, il bene e il male.
E il rumore…Era così assordante che martellava il capo,
ma come una calamita ti attirava, ti seduceva, ti stregava
e allora di corsa salivi nel loggiato superiore
per vedere i giri e le piroette…
Che forza di natura!
L’acqua si avvolgeva su se stessa, si ingarbugliava
e poi con irruenza si allontanava.

Quando vado con la mente lontano anche i pensieri
miei si aggrovigliano…
Il passato, punto fermo della mia vita,
dove tutti i sentimenti si sono formati e forgiati
si fondono col presente carico d’amore, ardore, smania,
progetti e speranze.




Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio