POESIE - CAMPANIA
I sapure ‘e ‘na vota
Ai giovani d'oggi, allevati e cresciuti a colpi di merendine, questo tipo di "ghiottoneria" è senz'altro assurdo,inconcepibile; per me, da giovane, era una specialità da preparare con cura e perizia; ora sono il ricordo piacevole e stuzzicante di un'età trascorsa da molto.
Dialetto: Campania

I sapure ‘e ‘na vota
Nisciune nce crede,
ma ‘a preparazzione d’’o ppane
cu’ ‘a cunzerva ncoppa
è averamente ‘nu rito.
A mmesura se taglia ‘o scurzino
se scava fin’a levà ‘a mullica superchia,
se spann’‘a cunzerva,
‘nu file d’uoglio,
‘nu pizzico ‘e arecheta apprufumata
e ‘nu poco ‘e cerasiello amare.
Se cummoglia ‘o pertuso,
s’ammacca pe fa’ trase ‘o sapore
e… comm’’a nu fuoche d’artificio,
tutta ‘a musica d’‘a terra
scuppietta mmocc’‘a tte!



Traduzione in italiano

I sapori di un tempo
Sembra impossibile,
ma la preparazione del pane
spalmato di conserva*
è veramente un rito.
Si taglia 'o scurzino**
si elimina tutta la mollica,
si spalma con cura la conserva,
un filo d'olio,
origano profumato
e peperoncino piccante.
Si richiude il buco con quella mollica asportata precedentemente,
si schiaccia per far sì che il sapore penetri bene
e, come un fuoco d'artificio,
tutta la musica del mondo
scoppietta nella tua bocca.

*(concentrato di pomodoro lasciato essiccare al sole).
** ((la parte iniziale o finale di una pagnotta)


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio