POESIE - SICILIA
Lu venniri e Santu
Quello che accadde 2000 anni fa il venerdì Santo in una poesia trovata e sistemata nella traduzione dialettale da Paolo Campisi
Dialetto: Sicilia

Lu venniri e Santu
Lu venniri santissimu
Appena chi ‘gghiurnò,
la cruci ‘nterra misiru:
Gesu Cristu ‘cci pusò.

Cu tri chiva spuntatissimi,
cu tri chiva tirantissimi,
manu e peri ‘cci ‘nchiuvaru,
a Cristu ‘u crucifissaru.

Foru li corpa,
chi desiru a Diu.
Seimilaseicentusissantasei
Cu scrigni e sputazzati.

E’ cu ‘a rici ogni venniri,
cu duluri e divuzioni,
‘cci sunnu pirdunati,
seimilaseicentusissantaseipiccati



Traduzione in italiano

Il venerdì Santo
Il venerdì santissimo,
appena che aggiornò,
la croce a terra misero:
Gesù Cristo vi posò.

Con tre chidi spuntatissimi,
con tre chiodi lunghissimi,
mani e piedi gli inchiodarono,
Gesù lo crocifissero.

Furono i colpi
Che diedero a Dio
Seiliaseicentosessantasei
Con ghibni e sputi.

E chi la dice ogni venerdì,
con dolore e devozione,
gli sono perdonati
seimilaseicentosessantasei peccati.


Racconto inviato da: Anonimo