RACCONTI - SICILIA
Quannu l'autri lasanu na traccia
Quando negli scouts prestavo servizio di volontariato verso il prossimo.
Dialetto: Sicilia

Quannu l'autri lasanu na traccia
Quann’era scout e staja a Gela, appi moru ri pristari aiutu comu vuluntariu ‘nta na famigghia fatta ri na veccia signora orba e ri rui figgi, ‘u masculu avia cinquantatri anni e a fimmina n’aavia quarantotto ri anni. ‘A fimmina analfabeta e ‘u masculu ca’ terza limitari. Doppu ca’ agghiu scuprutu i so’ nicissità, agghiu circatu ri rializzari na’ cosa ‘pi farli rapiri ‘o dialugu, ‘a ‘ntisa, ‘a cumprinsioni fra tuttie tri, mittennu fra jddi fiducia e stima. ‘U me compitu anu pigghiatu comu na notizia ca’ ci garantia na graduali riscuperta ra propia dignità e identità pirsunali, ro so’ valuri umanu e spirituali..A so’ frinisia, l’entusiasmu ‘pa vita, ca’ si virivunu ‘nte vari cosi ca’ facia cu’ jddi ‘mmoru particolari ‘a sira si rumpoeru violentamenti e poi s’astutaru quannu si purtaru ‘pi vuluntà re famigghi ‘nti na casa ri riposu ‘pi vecci e ‘pi chiddi can un su giusti, luannuli ri l’ambienti ca’ ‘nzemmula n’avivumu fattu. Cu’ me ranni luluri agghiu duvutu virriri ‘u so longu calvariu (lontananza, ristaccu, trasfirimentu, e morti ) ri l’amici mei. Tuttu chistu m’ha lassatu turbatu, facennu nasciti ‘nti mia ‘u disideriu ri luttari ‘pi difenniri ‘a vita, che so limiti pusitivi e nigativi. Ora ravanti ‘u me computer pinzannu scrivu i riorda e mi auguru pozza riurdari ‘a autri ca’ ‘a vita è tuttu e ‘và sempri difinnuta.




Traduzione in italiano

Quando gli altrilasciano una traccia
Quando ero scouts e vivevo a Gela, ebbi occasione di prestare servizio come volontario presso una famiglia composta da un’anziana signora cieca e da due figli il maschio cinquantatreenne e la femmina quarantottenne: la femmina analfabeta e il maschio con la terza elementare. Dopo aver scoperto i loro bisogni, cercai di realizzare un piano di totale apertura al dialogo, all’ascolto, alla comprensione reciproca, infondendo in essi fiducia e stima. Il mio compito venne percepito come un messaggio che garantiva loro una graduale riscoperta della propria dignità e identità personale, del loro valore umano e spirituale. La loro frenesia, l’entusiasmo vitale, evidenti nelle varie attività che svolgevo in modo particolare la sera si interruppero violentemente e poi si spensero quando furono portati, per volere dei familiari, in una casa di riposo per anziani e handicappati. Quindi, tolti dall’ambiente che insieme s’era costruito. Con mio grande rammarico ho dovuto assistere al lungo calvario (lontananza, distacco, trasferimento e decesso) dei miei amici. Ciò mi turbò profondamente, acuendo in me il desiderio di lottare per difendere la vita, con i suoi lati positivi e negativi. Ora, dianzi al mio computer, pensando, scrivo questi ricordi e mi auguro che possano indicare ad altri che la vita è tutto e va sempre difesa.




Racconto inviato da: Paolo Campisi