POESIE - SICILIA
“ Mane nobiscun Domine
Preghiera del Santo Padre per l'anno eucaristico. Essendo una preghiera molto bella e necessaria alla nostra vita mi son preso la briga di tradurla in siciliano. Paolo Campisi
Dialetto: Sicilia

“ Mane nobiscun Domine
Comu i rui riscepuki ro Vangelu,
ti ‘mpluramu,
Signori Gesù: resta cu’ ‘niautri!
Tu, rivinu Viandanti,
Ca’ capisci i nostri strati
e canusci ‘u nosciu cori,
nun ni lassari priciuneri
ri l’ummiri ra sira.
Sustenini ‘nta stanchizza,
pirduna i nosci piccati,
fa ca’ i nosci pirati vannu versu a strata ro beni.
<binirici i picciriddi, i picciotti,
i vecci, i famigghii,
‘nparticulari i malati.
Binirici i parrini
e chiddi consacrati.
Binirici tutta l’umanità.
‘Nti l’Eucaristia, Tu ta fattu
“Miricina ca’ nun fa morriri”;
racci ‘u sapuri ri na vita cina,
ca’ ni fa camminari ‘nti sta terra
comu pillirini firuciusi e giuiusi,
taliannu sempi l’arrivu ra vita
ca’ nun finisci mai.
Resta cu’ ‘niautri, Signori!
Resta cu’ ‘niautri! Amen.





Traduzione in italiano

Mane nobiscun Domine
Come i due discepoli del Vangelo,
ti imploriamo,
Signore Gesù: rimani con noi!
Tu, divino Viandante,
esperto delle nostre strade
e conoscitore del nostro cuore,
non lasciarci prigionieri
delle ombre della sera.
Sostienici nella stanchezza,
perdona i nostri peccati,
orienta i nostri passi sulla via del bene.
Benedici i bambini, i giovani,
gli anziani, le famiglie
in particolare i malati.
Benedici i sacerdoti
e le persone consacrate.
Benedici tutta l’umanità.
Nell’Eucarestia ti sei fatto
“Farmaco d’immortalità”:
dacci il gusto di una vita piena,
che ci faccia camminare su questa terra
come pellegrini fiduciosi e gioiosi,
guardando sempre al traguardo della vita
che non ha fine.
Ri,mani con noi, Signore!
Rimani con noi! Amen




Racconto inviato da: per la traduzione Paolo Campis