POESIE - CALABRIA
Ognunu chi soi e Masi ca ciaramedda
L'ipotetico progetto di conurbazione tra Reggio e Messina è fortemente avversata da i Reggini doc tra cui Giufà.
Dialetto: Calabria

Ognunu chi soi e Masi ca ciaramedda
Uvì, uvì c’haiu a séntiri sta matina:
vonnu riuniuri Riggiu cu Missina,
mi ddiventamu a cura di buddaci
e sta cosa a mia nenti mi piaci..

Ma comu? Riggiu tantu gloriusa,
bella e gentili, chi pari na spusa,
s’havissi ancrapettari mani e peri
chi sti tamarri, cu sti carria fumeri?

U sapiti chi si chiamunu zancrei?
Su genti buccazzari e lapardei
e Zancri si chiamau Missina
ca iddha fu pi nui sempri ruina..

Ne vogghiu mali e i vogghiu rispettari,
ma a nui Riggitani nd’aviti mi ndi lassati stari:
a iddi bona sorti cu pala e cufinedda,
ma ognunu chi soi e Masi ca ciaramedda.


Traduzione in italiano

Ognuno con i suoi e Tommaso con la cornamusa
Guarda, guarda che devo sentire questa mattina:
vogliono riunire Reggio con Messina,
per farci divenire la coda dei buddaci
e questa cosa a me non piace per nulla.

Ma come? Reggio tanto gloriosa,
bella e gentile, che sembra una sposa,
di dovrebbe incaprettare mani e piedi
con questi zotici, con questi trasportatori di sterco?

Lo sapete che si chiamano zancrei (primitivi)?
Sono gente parolaia ed ingorda
e Zancle si chiamò Messina
che per noi fu sempre una rovina.

Non li voglio male e li voglio rispettare,
ma a noi Reggini ci devono lasciare stare:
a loro buona fortuna con pala e cestone,
ma ognunu con i suoi e Tommaso con la conrnamusa.


Racconto inviato da: Giufà