POESIE - SARDEGNA
Proit a Cuattu S. Elena
Dopo un periodo di lunga siccità, la pioggia si desidera, si sogna, si vagheggia e, quando finalmente arriva, apre il cuore alla speranza. Ma l'acqua, come meteora, è apparsa ed è sparita subito lasciando campo libero al sole vincitore.(marzo 2002)
Dialetto: Sardegna

Proit a Cuattu S. Elena
(esercitazione in lingua sarda)

Su xèlu s’est annuau
e a s’improvvisu proit a longu
e in dogna logu
cu’ maraviglia e prexeri nostrus,
poita s’aqua est sempri beni benia
in custa terra abbruxiada.
Ita cosa bella!
Ita spettaculu aggradessiu
e foras de su normali!
Su coru si fait allirgu e speranzosu
poita, manchendu sa linfa,
si ponit in perigulu sa vida nostra.
Is froris perdint s’ornamentu
sa bellesa sa grazia e su profumu
e totu in giru est tristesa e malinconia.
Ma s’aqua est isparessia
e comenti est benìa si n’est andada
mentris su soli bincidori
-mi fait unu feli-
s’est postu a cumandai un’atera borta
sa vida nostra.



Traduzione in italiano

Piove a Quartu S.Elena


Il cielo si è annuvolato
e all'improvviso e dappertutto
cade la pioggia
destando nei nostri cuori meraviglia e piacere,
perché l'acqua è sempre la benvenuta
in questa terra bruciata dal sole.
Che cosa bella!
Che spettacolo gradito
e lontano dalla normalità!
Il cuore diventa allegro e speranzoso
perché, mancando la linfa,
si mette in pericolo la stessa vita nostra.
I fiori perdono l'ornamento
la bellezza la grazia e il profumo
e tutto intorno è tristezza e malinconia.
Ma l'acqua è sparita
e così come è venuta se n'è andata
mentre il sole vincitore,
mi fa una rabbia,
si è messo a comandare un'altra volta
la vita nostra.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio