POESIE - SARDEGNA
Sa scola mia
Chi ha detto che la storia si impara solo sui libri? (esercizio di scrittura inverno 1999)
Dialetto: Sardegna

Sa scola mia
Est propriu asutta domu mia.
Dogna dì ci andu cantendi cantendi
lebia comenti una mariposa,
poita mi praxit ancora
su traballu chi fatzu cu is picioccheddus.
S’atera dì seus andaus po is arrugas
antigas e strintas de Cuattu Sant’Ellena
po biri totus is domus
beccixeddas meda
chi hant fattu sa storia de sa bidda.
Est istetia un’esperienzia
interessanti po totus,
pipius e maistus ‘e scola.
Eus imparaus, gioghendi,
chi is domus de aiaius
funt comenti una biblioteca
oberta a chi non bolit scaresciri
ca puru is perdas
narant cosas chi no sciemus
e chi, ad onnia modu,
funt documentus bius de sa cultura
e de sa connoscenzia de unu populu.



Traduzione in italiano

La mia scuola
E’ a pochi passi da casa mia!
Ogni mattina, mi reco a scuola felice
e leggera come una farfalla,
perché mi piace ancora il lavoro
con i ragazzi.
L’altro giorno ci siamo addentrati
nelle stradine strette e vecchie
del centro storico di Quartu S. Elena
per fotografare le costruzioni antiche,
immagini tangibili della storia cittadina.
Interessante per tutti l’esperienza!
Abbiamo imparato, giocando,
che le case dei nostri antenati
sono una biblioteca
aperta a tutti coloro che non vogliono
dimenticare che anche le pietre
hanno una loro storia
raccontano cose sconosciute
e son documenti vivi della cultura
e della conoscenza di un popolo.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio