POESIE - CAMPANIA
Viche antiche
Talora, e soprattutto quando si è giovani, i vicoli con le loro caratteristiche peculiarità, si vivono ma non si vedono; si riscoprono e si apprezzano, invece, quando la maturità o l'età fanno il loro ingresso nella nostra vita arricchendola di quelle conoscenze che sembravano non appartenerci.
Dialetto: Campania

Viche antiche
A vvote me sento sperduta e frasturnata
int’â sti vichi strinte,
sbacantute e mieze sgarrupate.
Ma si appizzo bon’’e rrecchie, sento
nluntananza ’a museca d’ê vvoce amiche
ca a chisti viche hanno dato ‘a vita.

Int’a niente, me passeno p’ â capa
‘e pazzièlle, “arrubbate”, ‘ncopp’ â Turretta
‘o cuceniello attuorn’ â vrasera,
u tiatre int’ â ‘na stanzulella strenta e longa
‘e Sante Nicola, i llotterie e le cacce al tesoro,
i cante e ‘a spenzieratezza d’â giuvintù.

Tanne, i viche nun se ‘uardaveno,
erano llà, erano sempricemente i nuoste,
se jenchèveno d’ ê vvoce noste.

Po ‘a vita, comm’è loggico e naturale,
ha mischiate a tante ‘e nuje ‘e ccarte ‘ntavula
e sule mo ca ‘o tiempo passa
cerco i stemme, sturio ll’arche, mmiro i cchiese,
i chiazzulle, i ricame, i ciardini, i bbellezze
ca nun aggia viste mai.

Appizzo ancora ’e rrecchie e sento sempe
cchiù abbecina ’a museca d’ ê vvoce antiche
ca a chisti viche hanno dato ‘a vita.



Traduzione in italiano

Vicoli antichi
Talora mi sento sperduta e frastornata
in questi vicoli stretti,
svuotati e pericolosamente dirupati.
Ma se tendo bene le orecchie, sento
in lontananza la musica delle voci amiche
che a questi vicoli hanno dato vita.
Come niente, mi tornano alla mente
i giochi, "rubati", sulla Torretta
‘o cuceniéllo* intorno al braciere,

il teatro allestito in una stanzetta stretta e lunga
di San Nicola, le lotterie e le cacce al tesoro,
i canti e la spensieratezza della gioventù.
Allora, i vicoli non si guardavano,
erano là, erano semplicemente i nostri,
si riempivano delle voci nostre.
Poi la vita, come è logico e naturale,
ha cambiato a tutti noi le carte in tavola
e, perciò, solo ora che il tempo scorre,
cerco gli stemmi, studio gli archi, ammiro le chiese,
le piazzette, gli stucchi, i giardini,
le bellezze che non ho visto mai.
Tendo ancora le orecchie e sento
sempre più vicina
la musica delle voci antiche
che a questi vicoli hanno dato vita.

*(cuceniello= gioco di bambine che fingono di cucinare per le bambole, utilizzando prodotti veri, già pronti)

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio