RACCONTI - SICILIA
Unni arriva 'u piccatu, poi arriva a razia
Questa è la nostra storia e affidarsi in Dio è la cosa più bella
Dialetto: Sicilia

Unni arriva 'u piccatu, poi arriva a razia
l“Cu’ ni fa abbirriri ‘u beni?”
‘U misteru ra coppia e ri l’amuri umanu è ‘a cosa principali ra nostra firi: Diu voli raveru ca’ semu filici e a china rializzazzioni ri l’omminu?
Niautri cristiani chi ni pinzami?
Criremu raveru ca’ Di uni voli veramenti filici?
Pinzami ca’ è nu Diu gilusu è n’aspetta rarredi a potta?
Diu nun na criatu ‘pi soffriri, ‘pi puttari ‘a nostra cruci?
Sti loghi cumuni ca’ fanu patti ro nosciu bagagliu ri ‘ntiliggenza, anu statu ittati ri latu ro stissu Gesù quannu appi ‘u curaggiu ri prupunirini a tutti i beatitudini comu strada ri fari e ni prumisi ‘a filicità.

‘A storia re puma…
Comu ne cunta ‘a storia ri Adamu e Eva si putia finiri cu’ na storia bella. Ma sta vota nun è accussì. Rifatti a Genesi nun è ‘ncuntu, ma ‘a parabola ra storia rurulusa ri n’appuntamentu mancatu tra l’omminu e siri filici, tra l’omminu e Diu.
Sta coppia ri ‘ziti stanno ‘nzemi ‘nto jardinu ri l’Eden, ra filicità unni tuttu è armonia. Tranquillità, luci e vita.
Se ‘u munnu attuali nun è comu l’Eden, nun è cettu curpa ri Diu, ca’ fin uro principiu avia prumissu a l’omu ri camparici.
Ama pricisari ca ‘u piccatu originali nun è ‘nto mettiri ‘a ‘nzemmula a carni ri Adamu e ri Eva. Purtroppo sta ‘nterpritazioni ‘a finutu’pi ‘nfluinzari assai ‘a genti e magari a pratica re cristiani, ‘nto moru ri campari a sessualità, “ ‘U piccatu cuncessu ‘nto matrimoniu”, e supa u signifoicatu ri fimmina:”seduttrici e unica rispuntabili ro mali ca’ cìè ‘nto munnu”.
U silenzi uri Adamu
Sia l’omminu ca’ a fimminasu prisenti ‘nto mumentu ro piccatu. Iddi fannu piccatu ‘nzemmula, secunnu ‘u propriu runu ri Diu. ?nfatti Adamu sta ‘nzilenziu, iddu ca’ è u custodi ra liggi. Tipicu silenzi uri masculu ‘pi teniri ‘a paci.
A fimmina veni tintata ‘nta so razia femminili.U tintaturi cifa capiri a Eva ca l’omminu addiventa comu a Diu, ri fattu è ‘u fruttu ra prumissa divina.Eva veni tuccata ro tintaturi ‘nta so vucazioni; vuliri addivintari comu a Diu nun è ‘npuntu ri orgogliu, ma a vocazioni pirsunali ri l’omminu.; e a fimmina a statu misa ‘o cantu ri jddu ‘pi riurdariccil u.



Traduzione in italiano

Dove arriva il peccato, poi arriva la grazia
“Chi ci farà vedere il bene?” (Sal 4,7)
Il mistero della coppia e dell’amore umano è il fondamento della nostra fede: Dio vuole davvero la felicità e la piena realizzazione dell’uomo?
Noi cristiani che cosa ne pensiamo?Crediamo davvero che Dio ci voglia felici?Pensiamo che sia un Dio geloso che ci aspetta al varco?Dio non ci ha forse messo al mondo per soffrire, per portare la nostra croce?
Questi luoghi comuni, che fanno parte del nostro bagaglio culturale, sono stati rinnegati dallo stesso Gesù quando ebbe il coraggio di proporre all’umanità le Beatitudini come cammino da seguire e promessa di felicità.

Una storia di mele…
Come nelle belle fiabe anche il racconto di Adamo ed Eva poteva concludersi con un ben lieto fine. Ma questa volta non è così. Infatti la Genesi non è una fiaba, ma la parabola della storia dolorosa di un appuntamento mancato fra l’uomo e la felicità, fra l’uomo e Dio.
Questa coppia di fidanzati che si scoprono gradualmente stanno insieme nel giardino dell’Eden, della felicità dove tutto è armonia, tranquillità, luce e vita.
Se il mondo attuale non è come l’Eden, non è certo colpa di Dio, che fin dall’inizio aveva permesso all’uomo di viverci.
Dobbiamo precisare che il peccato originale non consiste nell’unione carnale di Adamo ed Eva. Tuttavia questa interpretazione ha finito per influenzare notevolmente la collettività e anche la pratica dei cristiani, soprattutto sul modo di vivere la sessualità, “il peccato concesso nel matrimonio”, e sul concetto di donna “seduttrice e unica responsabile del male che c’è nel mondo”.
Il silenzio di Adamo
Sia l’uomo che la donna sono presenti al momento del peccato. Essi fanno peccato insieme, secondo il proprio carisma. Infatti Adamo sta in silenzio, lui che è il custode della legge. Tipico silenzio maschile per mantenere la pace!

La donna viene tentata nella sua grazia femminile. Il tentatore fa balenare ad Eva l’idea della deificazione dell’uomo, che di fatto è il frutto della promessa divina. Eva viene toccata dal tentatore nella sua propria vocazione: volere diventare come Dio non è un punto di orgoglio, ma la vocazione propria dell’uomo; è la donna è stata messa accanto all’uomo perché glielo ricordi.



Racconto inviato da: Paolo Campisi