POESIE - PIEMONTE
L'êgua 'd sùlfu

Dialetto: Piemonte

L'êgua 'd sùlfu
Dialetto di Serravalle Scrivia (Alessandria)

U gh'è 'n te Scrivia na surgiàinte
ke è persòune a tena sàune,
u va zü a piòla tàunta giàinte
'ncu butìgie, fiàski e damisàune.

Ugh'è de dòne e di vegièti
che, pütòstu 'd fo a cùa,
i vàun zü au scüu 'ncu i spegièti
a matèin prèstu bàin a bunùa.
A sa 'n po' 'd sùlfu e d'in po' 'd só
tüti i dìsa ca fa bàin
a rìnfrèsca e a fa pisò
a rsàinta u stòmgu, a pàunsa ei ràin

se a zazöin prèstu a matèin
us ne bàiva du trài goti
a rvöga tütu l'intesteièin
e anke è kü u fa di bei boti.




Traduzione in italiano

L'acqua solforosa


Nello Scrivia v'è una sorgente
che mantiene le persone sane,
va giù a prenderla tanta gente
con bottiglie fiaschi e damigiane.

Vi sono delle donne e dei vecchietti
che, piuttosto che fare la coda,
vanno giù al buio, con gli occhiali
di mattino presto, ben di buonora.
Sa un po' di zolfo e un po' di sale
tutti dicono che fa bene,
rinfresca e fa pisciare
discrosta (risciacqua) lo stomaco, la pancia e i reni.

Se, digiuni, presto, al mattino
se ne bevono due o tre gotti
si svuota tutto l'intestino
e anche il culo fa dei bei botti.



Racconto inviato da: Gianni Bobbio