POESIE - SICILIA
Nun chiangiti se mi vuliti beni
Può sembrare fantasia ma come un sogno al risvegio può diventare realtà. A quanti un giorno diranno: lo conobbi....
Dialetto: Sicilia

Nun chiangiti se mi vuliti beni
Nsonnu ca’ finisci
Na rialtà ca’ ta’ risbigghia’nto novu
E’ filici l’animu
‘Na lacrima resta ‘nto corpu.
Comu ‘nciuri
M’anu trasciantatu
‘nto jarfinu ro Signori
‘NUN CHIANCITI SE MI VULITI BENI
Se canuscissivu ‘u misteru ‘menzu ca’ c’è ‘nto celu
Unni ‘Patri ca’ fici ammazzari ‘pi niautri so’ Figghiu
Ni ama e ni pirduna.
E ccà unni ora campu.
‘nta sti urizzunti senza fini
unni sta luci ca’ tuttu ‘mesti e pirduna
mi rici i ririvi :
nun chianciti se mi vuliti beni!
Sugnu ormai assuppatu
‘nta l’incantu ra so’ sconfina
biddizza.
I cosi ri ‘ntempu su ‘a ‘cusi nighi
‘o cunfruntu ri campagni e vosca cilesti
m’ha ‘ristatu longu ‘u me vagari ‘nti l’etrnità
l’amuri ri vuiautri.

Na tinirizza allargata comu na carizza quann’eru…
‘n VITA
ca vujautri mancu ‘magginati
Vivu’nta na gioia purissima
‘Nte suffirenzi ro tempu
pinsati ‘o ritornu…
‘nta casa ro Pattri
unni ‘jornu semu gucciati oltri ‘a motti
abbivirati ‘nta funtana ri l’amuri divinu
e ra filicità eterna
Nun chiangiti
Se veramenti mi vuliti beni.!
Priati


Traduzione in italiano

Non piangete se mi volete bene
Un sogno che finisce
Una realtà che ti sveglia nel nuovo
Gioisce l’animo
Una lacrima resta nel corpo.
Come un fiore
sono stato trapiantato
nel giardino del Signore:
NON PIANGETE SE MI AMATE
Se conosceste il mistero immenso del Cielo
dove un Padre che immolò per noi suo Figlio
ci Ama e ci perdona.
È qui che ora vivo,
in questi orizzonti senza fine
dove questa luce che tutto investe e perdona
mi invita a dirvi…
non piangereste se mi amate!
Sono ormai assorbito
nell'incanto della sua sconfinata bellezza.
Le cose di un tempo sono così piccole
al confronto delle praterie e boschi celesti,
mi è rimasto lungo il mio vagare etereo:
l'amore di voi,
una tenerezza dilatata come una carezza quando ero…
in VITA,
che voi neppure immaginate.
Vivo in una gioia purissima.
Nelle sofferenze del tempo
pensate al ritorno …
alla casa del Padre
ove un giorno saremo riuniti oltre la morte
dissetati alla fonte dell’amore divino
e della felicità eterna.
Non piangete
se veramente mi amate!
Pregate

Racconto inviato da: Paolo Campisi