POESIE - LIGURIA
Bella mae Zena

Dialetto: Liguria

Bella mae Zena
Zena, no so perché mi çerte votte
da bonn-a zeneize me metto a mogognâ,
perché te veddo un muggio de difetti,
vorriæ cangiâ tutto e fäte ritornâ

comme t’ei ‘na votta, comme a quelli tempi
quand’ean di figgieu mæ poæ e mæ moæ,
quande i relêui pàivan giâ ciù lenti,
comme t’ei bella in ta teu tranquillitæ!

Zena, no sò perché ma quande parto
con a pasciòn de viägiâ che me ritreuvo
son feliçe, ma quande poi ritorno
ti sentìsci drento a-o cheu cöse preuvo!

Me pä de sentî a voxe di mæ vëgi
ch’a me salûa, e sento una cansòn
ch’a me canta in to cheu: “Ma se ghe penso!”
e me sento strenze a gôa dall’emossion.

Zena, l’è perché chì ghe son nasciûa,
chì gh’è nasciûo i mæ vëgi e i mæ figgieu,
e da qualunque parte vadde in gïo
mì te porto con mì, drento a-o mæ cheu.

Da Nervi a Votri, lasciû da-o Righi a-o mâ
anche in ta modernitæ t’ë sempre quella,
quella ch’a fa vegnî o rincianto a-o mainâ,
all’emigrante: t’ë sempre a ciù bella!

Bella mæ Zena, vorriæ poéite cantâ
comme i grendi poeti t’han cantòu,
ma e mæ pövie parolle no son che ‘na pennellä
confronto a-i quaddri che loiatri han pitturòu;

ma ‘na cösa te vêuggio dî, comme t’ho vista
quella votta che co-a nave son arrivâ:
“ Indorâ da-o sô t’ei davvei Sûperba!
t’ei....’na cornixe d’öu, pösâ in sciö mâ.”

Dialetto Genovese



Traduzione in italiano

Mia bella Genova
Genova, non so perché io certe volte
da buona Genovese mi metto a brontolare,
perché ti vedo un mucchio di difetti,
vorrei cambiare tutto e farti ritornare

com’eri una volta, come a quei tempi
quand’erano ragazzi mio padre e mia madre,
quando gli orologi sembravano girare più lenti,
com’eri bella nella tua tranquillità!

Genova, non so perché ma quando parto
con la passione di viaggiare che mi ritrovo
sono felice, ma quando poi ritorno
sentissi dentro al cuore cosa provo!

Mi sembra di sentire la voce dei miei vecchi
che mi saluta, e sento una canzone
che mi canta nel cuore: “Ma se ghe penso!”
e mi sento stringer la gola dall’emozione.

Genova, è perché qui ci sono nata,
qui sono nati i miei vecchi e i miei figli,
e da qualunque parte vada in giro
io ti porto con me, dentro al mio cuore.

Da Nervi a Voltri, lassù dal Righi al mare
anche nella modernità sei sempre quella,
quella che fa venire il rimpiamto al marinaio,
all’emigrante: sei sempre la più bella!

Mia bella Genova, vorrei poterti cantare
come i grandi poeti ti hanno cantato,
ma le mie povere parole non son che una pennellata
confronto ai quadri che loro han pitturato;

ma una cosa ti voglio dire, come ti ho vista
quella volta che con la nave sono arrivata:
“ Dorata dal sole eri davvero superba!
eri.... una cornice d’oro, posata sul mare.”


Racconto inviato da: Alba Toscanini