POESIE - CAMPANIA
L'artista

Dialetto: Campania

L'artista
Dialetto napoletano

So' turnato cca' 'ncopp''e quartiere
ce mancavo nun saccio 'a quant'anne,
vola 'o tiempo,Giesù pare ajere,
quanta facce sparute so' 'a tanno.
Quanta cose se songhe cagnate
comme pure è cagnata sta ggente
guarda annanze,luntano è 'o passato,
nun è cchiu' abbandunata e pezzente.

Chi me guarda 'e passà,furastiero,
comme fosse,chisà,nu turista,
nun 'o ssape io na vota chi ero
me chiammavano allora:L'artista!

Si,n'artista che jeve p''e viche
miez''o tanfo 'e sudore e cu''a famma
quanno Dio me pareva nemico
e 'a madonna matrigne e maje mamma.

Quanno 'arraggia appannava chist'uocchie
'o destino pareva fetente
me sentevo tremmà 'int''e ddenocchie
e cantavo...cantavo...pe' niente.

Faccio parte pur'io 'e chistu vico
ma ogge songo sultanto "turista"
chi me sape,m'apprezza e m'è amico
e pirciò nun s''o scorda: L'artista.



Traduzione in italiano

L'artista


Sono tornato qua sopra ai quartieri
ci mancavo non so da quanti anni
vola il tempo Gesù pare ieri
quante facce sono scomparse da allora.
Quante cose che sono cambiate
come pure è cambiata questa gente
guarda davanti lontano è il passato
non è più abbandonata e povera.

Chi mi guarda passare,forestiero,
come fossi,chissà,un turista
non lo sa io una volta chi ero
mi chiamavano allora l'artista.

Si un'artista che andava per i vicoli
tra il tanfo di sudore e con la fame
quando Dio mi sembrava nemico
e la Madonna matrigna e mai mamma!

Quando la rabbia appannava questi occhi
il destino sembrava fetente
mi sentivo tremare nelle ginocchia
e cantavo...cantavo...per niente.

Faccio parte anch'io di questo vico
ma oggi sono soltanto un "turista"
chi mi conosce,mi apprezza e mi è amico
e perciò non dimentica l'artista.


Racconto inviato da: Luciano Somma