POESIE - CAMPANIA
L'emigrante

Dialetto: Campania

L'emigrante
Dialetto napoletano

Jurnata ffredda trista e'senza sole,
enterra nu' puorto aunite c''a famiglia,
quanti' pariente amice e canuscenti,
c'arrivene pe' dda' l'ultimo saluto.

Quante so' bbelle e' facce d''e criature,
s'astregnene a' mme ja' mamma ca' se' struja,
n''a facce e' cera , comm'a n''a marronna,
tremmanne po' s'appoje ëncopp''o coro.

Triste ja'partenza si se' va' luntano,
ma cchiu' ënfame ja' luntananza, pe' nuje Napulitane.
Spartute d''a famiglia p''e terre assaje luntano.

A' vicchiarella mia nun e' venuta,
mo fa' seje anne ca' sta' assaje malate,
mo fa' seje ore cca' m'ajtte addio.
P'America ne vire e; figlie e' mamme,

mieze sturdute sempe a' penz''a casa,
so' d'ogne eta', sti povere emigranti.
Vi quanta' ggente ënterra a' sta' marina
so' uommene, cu; femmene e' guagliune,
quanti' mmappate , baule e' balicie,

ca girene po' puorte a se' spusta'.
Facce arrussite e' ffriddo, facce avvilite,
so' lacreme e' cristallo che facite,
pare ca tutte parte, pare ca tutto vva',

sultanto chist'o core m'ajtte ca vo' sta'.
Lacreme e' vase, rituorno ambresse
t'arraccumanno scriveme Vicie'!
D''a buordo ëntrono ëo fischio d''o vapore,

ja nave e' quase pronta pe' salpa,'
tutte aggranfate appise a' na' ringhiera,
s'affollene adda' l'ultimo saluto.
Che runfo funerario fa' stu' ligno,

ca' ëngrifa pure a' pella marenara.
Nu' ffriddo e' gelo ca' rantella o' chianto,
nu' ffriddo ca' decise e' saluta'.
Pare che te vo' ddi' pecche' chiagnite?

Chi parte so' sicure turnarra',
che scena commovente , stu' friddo sape fa',
veco ca tutte parte, tra' poco tutto va'.
Quanti manelle, mille fazzulette,

parene palummelle a' sventola.'
Io golfo pe tramente s'alluntano,
e' Napole sparisce chiano chiano,
lassanno pe' ricordo a' cartulina ,
pe' nuje Napulitane.




Traduzione in italiano

L'emigrante


Giornata fredda triste e senza sole,
e in un porto uniti con la famiglia
quanti parenti, amici e conoscenti
che arrivano per dare l'ultimo saluto!

Come sono belle le facce dei bambini,
si stringono a me e alla mamma che strugge,
una faccia di cera, come una Madonna,
tremando poi s'appoggia sul cuore.

Triste è la partenza se si va lontano,
ma più infame è la lontananza per noi napoletani.
Divisi dalla famiglia, in terre molto lontane.

La mia vecchietta non è venuta,
sono sei anni ch'è molto malata,
sono sei ore che m'ha detto addio.
In America quante persone puoi vedere

distratte dal pensiero della casa lontana,
e sono d'ogni età, questi poveri emigranti.
Guarda quanta gente entrerà in questa marina:
sono uomini, con femmine e bambini,
quanti fagotti, bauli, valige

che girano nel porto senza requie
Facce arrossate per il freddo, facce avvilite,
sono lacrime di cristallo che piangete,
sembra che tutto parta, sembra che tutto vada.

Solo il mio cuore m'ha detto che vuol restare qua.
Lacrime e baci, ritorna presto,
Ti raccomando, scrivimi, Vincenzo!
Da bordo ulrla il fischio del vapore,

la nave è quasi pronta per salpare
tutti aggrappati, appesi a una ringhiera,
s'affollano per dare l'ultimo saluto
Che rumore funerario produce questo legno

che dà i brividi anche alla pelle dei marinai.
Un freddo gelido che rallenta il pianto,
un freddo che ha deciso di salutare,
e pare che voglia dire: perchè piangete?.

Chi parte, sono certo, tornerà,
che scena commovente, questo freddo sa recitare,
vedo che tutto parte, tra poco tuttp andrà.
Quante manine, mille fazzoletti,

sembrano un volo di bianche colombe.
E il Golfo intanto s'allontana,
e Napoli sparisce piano piano,
lasciando per ricordo la cartolina
per noi napoletani.



Racconto inviato da: Armando Torre