POESIE - VENETO
La cicogna nera
La cicogna bianca, che porta un fagotelo nel bèco, ze el sinbolo pa' dire che ze nato un putelo. Ma la cicogna che me ga portà Silvia, na fiola spastica grave, mi la go vista nera. Però go da dire de aver acetà sta fiola come fusse un regalo de la vita, anca se me ga costà tante lagrime e fadighe. Traverso Ela a go capìo quelo che ze inportante e quelo che inportante no ze, nela storia de tuti i giorni. - La cicogna bianca che porta un fagottino nel becco è il simbolo per dire che è nato un bambino. Ma la cicogna che mi ha portato Silvia, una figlia spastica grave, io l'ho vista nera. Però devo dire di aver accettato questa figlia, come un regalo della vita, anche se mi è costata tante lacrime e fatica. Attraverso Lei ho capito quello che è importante e quello che importante non è nella storia di tutti i giorni.
Dialetto: Veneto

La cicogna nera
Dal fredo nord
distante e misterioso
na gran cicogna nera
me ga portà in regalo
picolo, un fior de campo.
Lu, mai l'è sta boché
par abelir le tole
profane e inbandie
dei dì de festa.
El passava inoservà,
ma el so profumo raro
me ga canbià la vita.
Par lu, mi go robà
tante sperià de sole,
par farghe na cuna
rento el me core.
A go canbià el me pianto
te na canson d'amore,
che giorno dopo giorno
a go intonà al so fianco.
Adesso l'è na stela
che ride in meso al celo,
e ne le ore scure…
me fa ciaro.

Miranda Bille
Santorso

da "Quel che vede el core"
in dialetto dell'AltoVicentino
Editrice La Serenissima

www.keycomm.it/elgraspo






Traduzione in italiano

La cicogna nera
Dal freddo nord
lontano e misterioso
una grande cicogna nera
mi ha portato un regalo
piccolo, un fiore di campo.
Lui non è mai stato "bochè"
(ornamento di fiori)
per abbellire le tavole
profane e imbandite
dei giorni di festa.
Passava inosservato,
ma il suo profumo raro
mi ha cambiato la vita.
Per lui ho rubato
tanti sprazzi di sole
per fare una culla
dentro al mio cuore.
Ho trasformato il mio pianto
in una canzone d'amore
che giorno dopo giorno
ho intonato al suo fianco.
Adesso è una stella
che ride in mezzo al cielo
e nelle ore buie…
mi rischiara





Racconto inviato da: Miranda Bille - Santorso (VI)