POESIE - CAMPANIA
Surriento

Dialetto: Campania

Surriento
Dialetto napoletano

Io mme sonne Surriento
chella bella marina
sciure arance 'e limone
cielo e' mare a' speri',

pare tutte n'incanto
'nu ciardino 'a vede'
trase a' luce p''e ffronne
'e ffa' l'uocchie abbaglia'

'o prefume 'e stu mare
s''e miscato che sciure
'nu sapore vo' dda'
io sturduto e' st'incanto

so' felice e' sta cca'
si po' 'ncielo io guarde
che calore, che luce
cu' nu sole che bbrille

te fa' e' case appiccia'
tra' l'azzurre jo' turchino
'sta na vela latina
va currenne p''o mare

sott''o viento vo' ji'
e' n''a schiere e' figliole
so e' cchiu' belle guaglione
ca se' ponne crja'

e' sunnanno Surriento
m'he spavento o' penziere
si m'avessa sceta'.




Traduzione in italiano

Sorrento


Io mi sogno Sorrento,
quella bella marina,
fiorri d'aranci e limoni
cielo e mare da spedire

pare tutto un'incanto
un giardino da ammirare
filtra la luce tra le foglie
ed abbaglia gli occhi

il profumo di questo mare
sìè mescolato con quello dei fiori
e un sapore vuol dare;
io, stordito e incantato

sono felice di stare qua;
se guardo il cielo:
che calore, che luce
con un sole che brilla

e che accende le case;
tra l'azzurro e il turchino
sta una vela latina
va correndo per mare

sotto vento vuol andare;
e una schiera di figliole:
sono le più belle ragazze
che si possono creare.

E, sognando Sorrento
mi spaventa il pensiero
di dovermi svegliare.


Racconto inviato da: Armando Torre