POESIE - VENETO
Disìghe mato !

Dialetto: Veneto

Disìghe mato !
Xe pi de un mese che no fa na giossa
e le arne sguaràta desperà
drento tel pocio scuro de la pòssa
che ‘l sole forte ga romai sugà.

Te na giornata calda come questa
no ga pi vosse gnanca le sigàle,
parfina ‘l galo ga fiapà la gresta
e la pài incoatà slarga le ale.

El can l’è butà zo, drio le fassine
co na spana de lengoa a pincolòn
e no se move gnanca le galine,
col bèco verto, sconte drio ‘l siesòn.

E Gostin, pa causa che l’è mato,
no’l fa mai gnente da matina a sera,
co sto tenpo l’è in càneva beato,
descalso, in braghe curte e canotiera.


Pacifico, podà dosso un vesòlo,
circondà da l’odor de moscatelo,
el vol far l’eremita, star lu solo,
trincando, col so mato pignatèlo.

E no ghe inporta se ‘a stajon xe suta,
da mato, lu ‘l fa quel che ghe convièn,
fintanto che la candola la buta
lu resta al fresco e gnanca no’l ga sen.



Traduzione in italiano

Dategli del pazzo
È più di un mese che non piove
e le anatre si agitano disperate
dentro l’acqua scura di una pozzanghera
che il sole ha quasi asciugato.

In una giornata calda come questa
non hanno più voce nemmeno le cicale,
perfino il gallo ha la cresta appassita
e la tacchinella sta accovacciata con le ali aperte.

Il cane sta sdraiato dietro un mucchio di fascine
con un palmo di lingua a penzoloni
e non si muovono nemmeno le galline
col bècco aperto nascoste sotto la siepe.

E Agostino con la scusa che tutti lo credono matto
non fa niente da mattina a sera,
con questo caldo sta in cantina, beato
scalzo, in calzoncini corti e canottiera.

Pacifico, appoggiato a un tino,
circondato dall’aroma del “Moscatello”
vuol fare l’eremita, stare da solo
tracannando col suo amato boccale.

E non gli importa se la stagione è arida,
essendo matto, lui fa ciò che gli piace,fino a che la spina butta vino
lui resta al fresco e neanche soffre la sete


Racconto inviato da: Leda Ceresara Rossi