POESIE - CAMPANIA
L'ultimo 'e l'anno

Dialetto: Campania

L'ultimo 'e l'anno
Menumale ch'e fernute
che scalogna tutto l'anno
fino 'a l'ultimo a' vigilia,
m'aggi'a havuta strapazza'.

Io 'nu lavore nun 'o trove
pure si o' vuo' pava',
'e t'arrange 'a fa' qualcosa,
'o aumiliarte pe' campa';

Manche o' poste fosse fisso
chill''e nnire e' 'nu gravone,
maje 'na carta da' firma',
quanne po' tu staje 'a spasse

l'uocchie 'ncuollo sempe tiene,
e' addiviente sfaticate, sfiduciate
ma' pecche'?
Chesta ggente nun 'o sape

tanto 'a lore chell'e 'mborte
'a fresella sta' gia' 'n case,
pare ch'hanna fatica,'
spase o' sole sempe stanne

tanto a' lire gia' c''e sta'.
Stammatina 'e stata 'a storia,
ccu' mia sucrame 'e muglierema,
cca' nun 'ncia' fanne p'arriva',

d'int'a case sta' miseria,
'e accussi' mme so' 'nquartato,
manche 'a colpe fosse a' mia,
vuje verite 'a Sant. Gennaro.

Quant'a guaje ca' tench'ij;
Tenco 'a cape cca' mme scoppia,
senz'amice 'o 'nu parente
ca' putisse 'cu' isse sfuga',

tu po' dice chell''e festa,
nun da' retta lasce sta'
tira 'a vita comme va'
tanto niente cagnarra';

pienza 'a te , pienza 'a salute
tanto ormaie che cride ffa'
chesta e 'a storia 'e tutte l'anne
'e vo'dj' cadda' passa'.

Fa' 'nu vuto 'a Sant. Gennaro
isso sape tutte cose.
pene e' male e' chest''a ggente
e' pircio' t'ho st'asquaglia'.

Io 'a dumanda l'aggio fatta
mille vote , forse 'e cchiu',
n'aggio spise 'e carta bolla,
pe nun dicere 'e mazzette;

sto' aspettanne 'o poste 'a posta..
o' coccose 'e ferrovie,
e 'a risposta 'e sempe 'a stessa
tutte 'e pieno per adesso.

Chill'o quaie ca' nun sto' sulo
primme 'e me' sta' qualch'uno
'e percio' fanne aspetta'.
Quanta sorde c'aggiu spise,

mme' puteve penziona'
oramaje songo anziano,
'nu vicchiotto e' mezza eta'
stanco muorte e' avvilito

e 'si m'arriva chessa' fa'?
Ma po' penza sta' o' bisogno
'e te' mine 'a fatica'
cu' tre figlie 'e na' mugliera,

'e na suocra a cura',
songhe cose da' penza'.
Pe' tramente stamme
astritte, dint'o vasce

'a Matalena, proprie
'o centro, 'a taglie 'e strade;
fuje n'affare Don, Vicie'!
'nu rione bello assaje,

tutte cose truove lla',
si vicino 'o bancolotto,
proprie affianco 'o canteniere,
e' rimpetto sta' o' cafè,

'a menumale ajte capite,
ma cherr'e vuje nun sentite?
'A matina spicialmente
che piacere , chilli suone

pare stanne areta 'a porta,
'e so' pronte 'a mme sceta',
siente 'e voce 'e verdummare,
fruttaiole, 'e rammarielle,

sta chi venne 'a tianella
o' nu purpe da bulli'.
Vaggio dite c'e sta' tutte,
nun 'e p'esagerazione,

l'ho potete constata',
vuie veniteme 'a trua'.
Vire tanti bancarelle
mamma mia 'o bene e' Dio,

ve' sperdite, miez'a ggente
nun putite cammena'.
Sta' 'o cappotte pa' vernate
'nu vestite pa' staggione,

giacche 'e pelle a' file, a' file,
siente addore 'e l'animale,-.
miez'a folla e'o votta , votta,
tu me' pare staie 'a balla'

sara' tanco , 'o rock 'e roll
stanne tutte 'a cammena'
.'e puteche so' squarcione
tutte pare n''a parata,

sempe tutte fora 'a porta
e o' patrone a dint'a sta'.
Sempe 'a tavola ca seggia
casomaie tu vuo' fuma',

vire 'e stecche annanze
'e arrete maie spasate da vede'.
so vacante, chelli chiene l'adda' truva',

e' Hudino ca mag'a fa' a' finanze scemuni'.
O' parchegge e' stabbilito
'ncopp'e a' lasteche se ' fa'
so' fernute 'e marciapiere,

'e tutt'e piazze s'occupate.
che rione , che mercato
nun 'o truove comm'e cca'
tutte arete 'a Garibaldi ,

chesta statua essa parla';
Se' ricorde e' tiempe belle,
a' vittoria e a' liberta'.
Sempe russo 'nu semaforo

pe bellezza sempe lla',
senso unico , capite!
quacche vote s''e po'fa',
'chill''o guajo si s''e blocca,

e' comm'e faje po fa' sblocca'?
Ciente vigile
a' cavalle io nun credo o' ponne ffa',
ma stu' popolo geniale sape sempe cadda' ffa'.

Be io ritorno , vavo a' case
sta' mugliereme c'aspetta',
'e po' socrame cu na' cera
pare ca' mme vo' scanna'.

'E va' bbuone nun fa' niente
ogge 'e festa c'aggi'a' ffa'.



Traduzione in italiano

L'ultimo dell'anno
Meno male ch'è finito,
che jella tutto l'anno!
fino all'ultimo, fino alla vigilia
ho dovuto strapazzarmi.

Un lavoro non lo trovi
anche se volessi pagarlo
e ti arrangi a fare qualche cosa
o a umiliarti per campare.

Nemmeno se il posto fosse fisso...
quello è nero, è un peso enorme,
mai una carta da firmare,
quando poi sei disoccupato

hai sempre gli occhi addosso,
e diventi sfaticato, sfiduciato,
ma perchè?
Questa gente non lo sa,

tanto a loro cosa importa,
la fresella sta già in casa,
mica debbono lavorare
se ne stanno sempre sdraiati al sole

tanto la lira già la possiedono.
Stamattina è stat una storia,
con mia suocera e mia moglie,
che non ce la fanno ad arrivare,

nella casa questa miseria,
e così mi sono avvilito,
nemmeno che la colpa fosse mia,
voi vedete, San Gennaro,

Quanti guai che ci ho io
ho la testa che mi scoppia
senza amici o un parente
con i quali potermi sfogare.

Tu poi dici ch'è la festa,
non è vero, lascia stare,
tira la vita come va,
tanto nulla cambierà;

pensa a te, pensa alla salute,
tanto, ormai, che credi a fare,
questa è la storia di tutti gli anni,
e vuol dire che deve passare

Fai un voto a San Gennaro
Egli sa tutte le cose
pene e male di questa gente
e perciò t'ho st'ascquaglià

La domanda l'ho già fatta
mille volte e forse più,
ne ho speso carta bollata
per non parlare delle mazzette....

sto aspettando ilÝ posto alla posta
o quaalcosa in ferrovia
e la risposta è sempre la stessa
tutto è pieno per adesso.

Il guaio è che non sono solo
prima di me c'è sempre qualcuno
e perciò mi fanno aspettare.
Quanti soldi che ho speso,

mi ci potevo fare una pensione
ormai sono anziano
un vecchiotto di mezz'età
stanco morto ed avvilito

e se il posto arriva, che si fa?
Ma poi penso c'è il bisogno
di metterti a lavorare
con tre figli ed una moglie

e una suocera da curare,
sono cose da pensare....
Nel frattempo stiamo
stretti, nel basso

a Maddalena, proprio
al centro, a tagliare le strade,
fu un affare, Don Vincenzo,
un rione assai bello

là si trova di tutto.
Sei vicino al Banco del Lotto,
proprio a finco del cantiniere
e di fronte al Caffè,

e meno male, voi non capite
ma cherr'e voi non sentite?
Al mattino specialmente
che piacere, quei suoni

sembra siano dietro la porta
giusto per svegliarmi,
sento le voci delle verdummare
fruttaiole e ramarielle

c'è chi vende la tianella
o un polipo da bollire.
Ve l'ho detto: ci sta tutto
e non ho esagerato

lo potete costatare,
voi venitemi a trovare.
Vedi tante bancarelle
mamma mia il ben di Dio,

vi perdete in mezzo alla gente,
non potete camminare.
Vi sono cappotti per l'inverno
e vestiti per l'estate,

giacche in pelle con le frange,
senti l'odore dell'animale
in mezzo alla folla e o votta votta
tu, mi pare stai ballando

sarà tango o rock 'n roll
stanno tutti a camminare
le botteghe sono addobbate
tutto sembra una parata.

La gente resta sempre fuori dal'ingresso
mentre il padrone resta all'interno.
Sempre la tavola con la sedia
casomai volessiÝ fumare

vedi le stecche di sigarette avanti
e indietro mai esposte da vedere
(perchè) sono vuote, quelle piene chi le trova.

e s'inganna la guardia di finanza come il mago Houdini.
Il parcheggio è stabilito
e sulla strada si fa
son finiti i marciapiedi

e tutte le piazze sono occupate.
Che rione! Che mercato!
Non ne trovi come qua
dietro a Garibaldi:


se questa statua potesse parlare
ricorderebbe i tempi belli,
la vittoria e la libertà.
Questo semaforo è sempre rosso

sta là per bellezza,
senso unico, capite
qualche volta si può fare,
ma è un guaio se si blocca

e come fai per sbloccarlo?
Cento vigili
a cavallo io non credo potrebbero farlo
ma questo popolo geniale sa sempre cosa fare.

Beh, io ritorno, vado a casa
che mia moglie mi sta aspettando
e poi mia suocera, con una cera
che sembra voglia uccidermi.

E va bene, non importa
oggi e festa, che devo fare.


Racconto inviato da: Armando Torre