POESIE - CAMPANIA
'n a Befana puverella

Dialetto: Campania

'n a Befana puverella
Dialetto napoletano

Feli' damme 'e denare pe' stasera,
ca' e' criature aspettane 'a Befana,
sott''o cammino 'a vecchia lasce tutto
pe' bbuone 'e pure 'a chi nun se' l'aspetta.

A' l'alba comme appena schiare juorno,
'a bambulella a' voglie da' Maria,
'e pazzielle so' pe' Nanninella,
cunffiette e' caramelle a Luisella.

A itte vo' 'a pistola Luigino,
'e nu' fucile grosse a Pascalino,
Tonino cerca sempe 'o carre armato,
Rusella dice sempe 'e fa' 'nfermera,

E Amelia chella 'e de' latte che capisce,
p'essa tengo sta' zizza 'o bibbero.'
Rusi' ma tu' si' pazza? Sta' juornata,
comme facimme, io stongo disperato,

senza fatica, mo' so' tre semmane
senza speranza ca' po' migliora',
Feli' nun ce' penza'!
Penzamme sule 'a ogge.

Feli' ca' io vaco 'e vengo,
me' 'mpegno cocchecosa,
oppure facce credito
aunite a l'interesse.

Feli' che staje 'a penza'?
Vola 'a befana 'ncape 'e criature
che vita bella ca' te fa' 'a natura,
'o gallo cante mentre schiare juorno,

purtanne tanta gioja, 'e felicita',
rire Felippe assieme a Rusinella,
biate allora , pure ogge hanna campa',
quant''a dimane chisa' si venarra' ?




Traduzione in italiano

Una Befana poverella


Felice dammi i soldi per stasera,
che i bambini aspettano la Befana,
sotto il camino la vecchia lascia tutto
per i buoni e pure per chi non se l'aspetta.

All'alba, appena schiarisce il giorno,
la bambolina la voglia di Maria,
le "pazzielle" sono per Nanninella
confetti e caramelle per Luisella.

Ha detto che vuole la pistola Luigino,
ed un fucile grosso a Pasqualino,
Tonino chiede sempre il carrarmato,
Rossella dice sempre di fare l'infermiera,

E per Amelia che di latte se n'intende
Ho questa tettarella di biberon.
Rosina, ma tu sei poazza? Questa giornata
Come facciamo, io sono disperato,

senza lavoro, adesso sono tre settimane,
senza speranze di miglioramento.
Felice, non pensarci!
Pensiamo solo all'oggi.

Felice, io vado e vengo
M'impegno qualche cosa,
oppure compro a credito
e pago l'interesse.

Felice, che stai a pensare?
Vola la Befana sulle creature
Che vita bella che ti fa la Natura,
il gallo canta mentre si fa giorno

portando tanta gioia e felicità,
ride filippo assieme a Rosinella
beati loro, pure oggi devono campare,
quanto al domani, chissà se poi verrà?


Racconto inviato da: Armando Torre