POESIE - SICILIA
U cantu di la preda

Dialetto: Sicilia

U cantu di la preda
Dialetto di Giarre (Catania)

Vurria ca fussi n'teneru cunigghieddu
amuri miu nuccenti e visu beddu,
Cussì sautassi all'aria e tu vidissi
isarisi i mo zampi fossi fossi.
E tu pinzassi, duci e tinireddu,
stu cunigghittu iancu 'u viru a moddu.
E m'afferrasti e iu era cuntentu,
senza sapiri chi era lu to intentu.
Chiù ti taliavu e chiù iu m'intrippavu,
e dd'occhi accussi beddi mi mangiavu.
Ma i muzzicuni mia eran paroli,
n'do giru di menzura n'visti u suli.
N'tra na pignatedda e n'caudu tianu,
du ossa e du aricchieddi m'arristanu,
Ma pocu m'innimporta n'mi n'teressa,
la vita mia accussi n'si dici pessa.
Intra ni tia iù ci n'trasi allu stissu,
Chi voi ch'importa n'cori o n'stumacheddu
n'da n'modo o nautru lu scopu miu era chissu.


Traduzione in italiano

Il canto della preda
Vorrei essere un tenero coniglietto
amore mio innocente e volto bello
Cosi' salterei in aria e tu vedresti
alzarsi le mie zampe di fossa in fossa.
E tu penseresti, dolce e tenerissimo
Questo coniglietto bianco lo vedo a mollo
E mi prendesti ed io ero contento
senza saper quale era il tuo intento.
E più ti guardavo e più io mi innamoravo
E i tuoi occhi cosi' belli, li mangiavo
Ma i morsi miei eran solo parole
Nel giro di mezz'ora non ho più visto il sole.
Tra una pentola ed un tegame,
due ossa e due orecchiette mi son rimaste.
Ma poco a me importa, non m'interessa
La vita mia cosi' non si puo' dire persa.
Dentro di te ci sono entrato lo stesso
Che vuoi che conti, un cuore, uno stomaco
In un modo o nell'altro lo scopo mio era questo.


Racconto inviato da: Altea