POESIE - VENETO
Vin crinto

Dialetto: Veneto

Vin crinto
Cossa sarìa sto vivare
se el crinto no ghe fusse?
un cumulo de russe,
na perla svalutà.

Invesse on dono magico
ne ga fornìo natura:
col fredo o con l’arsura
ristoro la ne da.

El vin compagna intrepida
la nostra vita intiera:
che mai no vegna sera
se nol se ga gustà

L’aiuta ben a cressare
l’è el late dei alpini,
sangue dei contadini,
forsa del murador.

Chi un tenpo xè stà zovane
adesso se consola
bagnandose la gola
con un goto de quel bon.

El vin l’è el pì infalibile
rimedio a tuti i mali:
no serve li ospedali
a chi lo sappia usar.

D’inverno con la brosema,
du goti de bon crinto
e ‘l fredo vien respinto
e nol tormenta pì;

d’istà, col caldo sòfega
e a stento se respira,
roversa via la bira
e serca el crinto san.

Cavà dal frigorifero,
o fresco al naturale,
l’è sempre madornale,
al pari del brulè.

Resta par mi la càneva
El posto prediletto:
ghe metarìa anca el leto
par vivar sempre là.

Oh, fortunà chel Diogene
Che ga abità na bote :
altro che dirghe tote!
filosofo l’è sta.

Vedòi, tinassi, cànole,
bóte, fiaschetti, lore
le ghe darìa splendore
anca al salon dei re.

E quando el vin ghe mormora
Vien profumà la stansa:
pi morbida fragransa
al mondo no ghe xè.

E lora profitémoghe
fin che la vita dura:
de meio la natura
no ga savesto dar ;

e femo un grande brindisi
coi nostri goti pieni,
par vivere sereni
par mile ani ancor.

Galdino Pendin Novoledo di Villaverla
Dal CD “Poesie dei Rajati del Graspo
recità da Giovanni Bassan”



Traduzione in italiano

vino clinton
Cosa sarebbe questo vivere
se il clinto non ci fosse?
Un cumulo di rovi,
una perla svalutata.

Invece un dono magico
ci diede la natura;
col freddo e con l’arsura
ristoro lui ci dà.

Tolto dal frigorifero
o fresco al naturale
è sempre madornale
al pari del brulè.

Il vino accompagna intrepido
la nostra vita intera:
che mai non venga sera
se non lo si è gustato.

Resta per me la cantina
Il posto prediletto
ci metterei pure il letto
per vivere sempre là.

Aiuta a bene crescere,
è il latte degli alpini,
sangue dei contadini
forza del muratore.

Oh, fortunato quel Diogene
che ha abitato una botte;
altro che dirgli sciocco:
filosofo è stato.

Chi un tempo è stato giovane
adesso si consola
bagnandosi la gola
con un bicchiere di quello buono.

Tinozze, tini, pèvere,
botti, fiaschetti, cannelle
darebbero splendore
anche al salone dei re.

Il vino è il più infallibile
rimedio a tutti i mali;
non servono ospedali
a chi la sappia usare.

E quando il vino ci mormora
viene profumata la stanza:
più morbida fragranza
al mondo non ci sta.

D’inverno con la brina
due tazze di buon clinto
e il freddo vien respinto
e non tormenta più.

E allora approfittiamone
finché la vita dura:
di meglio la natura
non ci ha saputo dare.

D’estate l’afa soffoca
e a stento si respira:
rovescia via la birra
e cerca il clinto sano…

Facciamo un grande brindisi
con i nostri bicchieri pieni
per vivere sereni
per mille anni ancor.

Da “Vin crinto” di
Galdino Pendin
Novoledo di Villaverla



Racconto inviato da: Galdino Pendin