POESIE - VENETO
La Marìa col marìo in gita la va

Dialetto: Veneto

La Marìa col marìo in gita la va
La Marìa col marìo in gita la va.

La Marìa col marìo in gita la va
la va coi ansiani
in pension da tri ani,
del paese natale, i xe veci compagni.
- Che belo el castelo!
- Varda el laghetto,
ghe manca le ànare e anca on cagneto!
- Ciò Toni, la fa la Maria, vardando el marìo
un po’ insiminìo.
- Gheto visto che belo el pajasso là in piassa?
Ma Toni nol sente, la pansa ghe ruda
la boca fa àqua… le curve le torna a farghe el tremasso.
Fortuna ga bio che vissin al castelo ghe fusse un ristoro
par un omo strasìo.
De scondòn el va rento,
la Maria non vede, la xe a le prese col sior ciaciaròn…
Cussì Toni beve, el beve, el ga sen…
e za ghe pare sentirse star ben.
Ma la Maria, come senpre gelosa, la vol l’omo vissin…
La se gira, non la ‘o vede, lo serca qua e là:
- Gavìo visto el me omo?
- scuseme savìo,
- ma go perso el me Toni e son angustià.
La gira, la varda:
- Spetème, lo serco.
Ai turisti la chiede: – Pardon,
gavìo visto el me Toni con in man el baston?
- No siora, no gavemo visto nessun.
Ma gira e rigira, la vede na scrita
che Toni, alfabeta, el sa lèsare ben:
- Bruto can don bastardo, lo copo, l’è là.
E la entra con rabia nela stansa del vin.
La vede beato el so Toni in ‘n canton,
col naso beo rosso, lo sguardo lontan
e non più bianco e patìo come un poro insemenio.
Ghe passa la rabia te on bati balen,
la ciapa el so Toni, la ghe mete el capelo
e la ‘o porta in gita… te n’altro castelo.




Traduzione in italiano

La Maria col marito in gita la va
La Maria col marito in gita la va.

La Maria col marito in gita la va,
va con gli anziani
in pensione da tre anni,
del paese natale, hanno tutti la stessa età.
- Che bello il castello!
- Guarda il laghetto!, mancano i cigni e un cagnolino.
- Oh, Tony, dice Maria guardando il marito
un po’ stranito, hai visto che bello il pagliaccio
là in piazza?
Ma Tony non sente, lo stomaco gli brucia,
la bocca fa acqua, le curve (della strada) lo fanno rabbrividire.
Per fortuna, vicino al castello c’è un ristoro
per l’uomo stordito.
Di nascosto vi entra,
la Maria non vede perché alle prese col cicerone…
e cosi Tony beve, beve ed ha ancora sete,
già gli sembra di star bene.
Ma la Maria, come sempre gelosa, vuole lo sposo vicino:
Si gira, non lo vede, lo cerca qua e là
- Avete visto mio marito?,
- scusate,
- ho perso il mio Tony e sono angustiata.
Guarda in giro:
-Aspettatemi, lo cerco…
Ai turisti chiede: Perdonate,
avete visto il mio Tony che si appoggia al bastone?
-No, signora, non abbiamo visto nessuno.
Ma gira e rigira, vede un’insegna
che Tony pur analfabeta sa leggere bene
- Brutto animale, lo ammazzo, è lì.
Entra adirata nel bar.
Vede il suo Tony beato in un angolino,
il naso rosso, lo sguardo lontano
e non più pallido come un povero stordito.
Dimenticata subito l’ira,
agguanta il marito, gli calca il cappello
e lo porta in gita…ad un altro castello



Racconto inviato da: A.S. Thiene