POESIE - SICILIA
Lingua e Dialettu
Nota poesia del 1970 del celebre poeta dialettale siciliano Ignazio Buttitta, nato a Bagheria il 19 settembre 1899 e morto nella sua città natale il 5 aprile 1997.
Dialetto: Sicilia

Lingua e Dialettu
Un pòpulu,
mittìtulu a catina,
spuggghiàtilu,
attuppàtici a vucca,
è ancora lìbiru.

Livàtici u travagghiu,
u passaportu,
a tàvula unni mancia,
u lettu unni dormi,
è ancora riccu.

Un pòpulu
addiventa poviru e servu,
quannu ci arròbbanu a lingua
addutata di patri:
è persu pi sempri.

Diventa poviru e servu
quannu i paroli non fìgghianu paroli
e si màncianu tra d'iddi.

Minn'addugnu ora,
mentri accordu a chitarra du dialettu
ca perdi na corda o jornu.

Mentri arripezzu
a tila camuluta
chi tisseru i nostri avi
cu lana di pècuri siciliani.

E sugnu pòviru:
haju i dinari
e non li pozzu spènniri;
i giuielli
e non li pozzu rigalari;
u cantu,
nta gaggia
cu l'ali tagghiati.

U pòviru,
c'addatta 'nte minni strippi
da matri putativa,
chi u chiama figghiu
pi 'nciuria.

Nuàtri l'avìamu a matri,
nni l'arrubbaru;
avìa i minni a funtani di latti
e ci vìppiru tutti,
ora ci spùtanu.

Nni ristò a vuci d'idda,
a cadenza,
a nota vascia
du sonu e du lamentu:
chissi non nni ponnu arrubbari.

Nni ristò a sumigghianza,
l'annatura,
i gesti,
i lampi nta l'occhi:
chissi non nni ponnu arrubbari.

Non nni ponnu arrubbari,
ma ristammu pòviri
e òrfani u stissu.



Traduzione in italiano

Lingua e Dialetto
Un popolo
mettetelo in catene
spogliatelo
tappategli la bocca,
è ancora libero.

Toglietegli il lavoro
il passaporto
la tavola dove mangia
il letto dove dorme,
è ancora ricco.

Un popolo,
diventa povero e servo,
quando gli rubano la lingua
avuta in dote dai padri:
è perduto per sempre.

Diventa povero e servo,
quando le parole non figliano parole
e si divorano tra loro.

Me ne accorgo ora,
mentre accordo la chitarra del dialetto
che perde una corda al giorno.

Mentre rammendo
la tela tarlata
tessuta dai nostri avi
con lana di pecore siciliane.

E sono povero:
ho i denari
e non posso spenderli;
i gioielli
e non posso regalarli;
il canto,
nella gabbia
con le ali tagliate.

Il povero,
che poppa nel seno arido
della madre putativa,
che lo chiama figlio
per ingiuria.

Noi l'avevamo la madre,
c'è stata rubata;
aveva le mammelle a fontane di latte
e ci bevvero tutti,
ora ci sputano.

A noi rimane la sua voce,
la cadenza,
la nota bassa
del suono e del lamento:
questi non ce li possono rubare.

Ci rimane la somiglianza,
l'andatura,
i gesti,
i lampi negli occhi:
questi non ce li possono rubare.

Non possono rubarceli,
ma siamo rimasti poveri
e orfani lo stesso.

Racconto inviato da: Ignazio Buttitta