POESIE - SICILIA
A VIRITA' ARRUBBATA*
Quante verità vengono stravolte dagli uomini! Qui non si tratta della teoria della doppia verità o della teoria di Pirandello del "Così è...".Una persona rimane delusa dello storpiamento della verità e prega che presto la verità venga alla luce.
Dialetto: Sicilia

A VIRITA' ARRUBBATA*
A virità:
mi l’arrubbaru.
Comu n’aneddu d’oru
mi l’arrubbaru.
A ittaru
da muntagna
a pinninu
‘nton puzzu niuru:
ci sputaru
‘ncapu
e si ni jeru.

Comu ‘nta na pignata
carcariannu
ora vugghi u me cori
e spanni
vampati di focu;
sulu quarcuno
dici “chi successi”?
Pi strata ognirunu
si sparti
rummuliannu.

A virità
mi l’arrubbaru.
Pariva duci
st’aria d’aprili
ca mi stampava
‘nta ll’occhi
pi sti strati storti
ciuri di mennuli
rosa
e vigni
arrizzittati.

Ora viu sulu
suli annigghiatu
e arbuli stuccati
di lu ventu
affamatu
e accarizzìu
armi ‘nnuccenti
cu li manu stanchi
ncapu na tavula
di chiova
tagghienti.

E trimannu
mi ‘npinciu
a taliari
‘ntra stu puzzu
ca tira
lu me cori
e pensu
di tiralla
cu ll’occhi
sta virità lucenti…
e iu m’appuzzu
e la tiru
cu ll’occhi,
e la taliu.

A virità:
viriti: e ‘nsanguliata,
l’annettu
cu lu ciatu,
mi sentu arrifriscata,
la mettu
supra l’altaru miu
e m’addinocchiu
e pregu,
pregu ca tutti
putissiru leggiri
‘ncelu
cu lu lustru di suli
chi spanni!


* La poesia,pubblicata su "esperienze scuola-territorio" 1982, è stata premiata nel 2004 dall'Associazione Nino Martoglio a Grotte.


Traduzione in italiano

La verità rubata
La verità:
me l'hanno rubata.
Come un anello d'oro
me l'hanno rubata.
L'hanno gettata
giù dalla montagna.
vi hanno sputato sopra
e se ne sono andati.

Come in una pentola
borbottando
ora bolle il mio cuore
e sparge
vampate di fuoco;
solo qualcuno
dice "Che è successo?"
Per la strada ognuno
si saluta
mormorando.

A virità:
me l'hanno rubata.
Pareva dolce
quest'aria d'aprile
che mi faceva apparire
per queste strade storte
fiori di mandorli rosa
e vigne
ben ordinate.

Ora vedo solo
sole annebbiato
e alberi spezzati
dal vento affamato
e accarezzo anime
innocenti
con le mani stanche
come sopra una tavola
di chiodi taglienti.

E tremando indugio lo sguardo
a guardare
in questo pozzo
che tira
il mio cuore
e penso
di tirarla
con gli occhi
questa verità fulgida...
ed io mi sporgo sul pozzo
e la tiro
con gli occhi
e la guardo.

La verità:
vedete, è insanguinata,
la pulisco con il mio fiato,
mi sento rinfrescata,
la metto sopra il mio altare
e m'inginocchio
e prego,
prego che tutti
possano leggerla in cielo
con la luce del sole
che si sparge intorno!



Racconto inviato da: Rosalba Anzalone