POESIE - SICILIA
Lu labbru
Una delle odi più belle del poeta palermitano Giovanni Meli, vissuto nel '700 ma mai dimenticato per la sua arte eccelsa nel rimeggiare in lingua siciliana, tanto da essere ritenuto uno degli autori principali della letteratura in lingua siciliana.
Dialetto: Sicilia

Lu labbru
Dimmi, dimmi, apuzza nica,
unni vai cussì matinu ?
Nun c'è cima chi arrussíca
di lu munti a nui vicinu.

Trema ancora, ancora luci
la ruggiada 'ntra li prati,
dun'accura nun ti arruci
l'ali d'oru dilicati !

Li ciuriddi durmigghiusi
'ntra li virdi so' buttuni
stannu ancora stritti e chiusi
cu li testi a pinnuluni.

Ma l'aluzza s'affatíca !
Ma tu voli e fai caminu !
Dimmi, dimmi, apuzza nica,
unni vai cussì matinu ?

Cerchi meli ? E s'iddu è chissu,
chiudi l'ali e 'un ti stancari;
ti lu 'nsignu un locu fissu
unni hai sempri chi sucari:

Lu canusci lu me' amuri,
Nici mia di l'occhi beddi ?
'Ntra ddi labbra c'è un sapuri,
'na dulcizza chi mai speddi.

'Ntra lu labbru culuritu
di lu caru amatu beni,
c'è lu meli chiù squisitu ...
suca, súcalu, ca veni !

Dda ci misi lu Piaciri
lu so' nidu 'ncilippatu
pri adiscari, pri rapiri
ogni cori dilicatu.

A lu munnu 'un si pò dari
una sorti chiù felici
chi vasari, chi sucari
li labbruzzi a la me' Nici.


Traduzione in italiano

Il labbro
Dimmi, dimmi, apetta piccolina,
dove vai così di buon'ora ?
della montagna a noi vicina
non c'è cima che si colora.

Trema ancora, ancora luccica
la rugiada tra i prati,
abbi cura a non bagnarti
le ali d'oro delicate !

I fiorellini ancor dormienti
tra i verdi loro calici
stanno ancora stretti e chiusi
con le teste a penzoloni.

Ma l'aletta si affatica !
Ma tu voli e percorri cammini !
Dimmi, dimmi, apetta piccolina,
dove vai così di buon'ora ?

Cerchi miele ? E se si tratta di ciò,
chiudi le ali e non ti stancare;
te lo insegno un posto fisso
dove hai sempre da succhiare:

Lo conosci il mio amore,
Nice mia dagli occhi belli ?
Tra quelle labbra c'è un sapore,
una dolcezza che non finisce mai.

Tra il labbro colorito
del caro amato bene,
c'è il miele più squisito ...
succhia, succhialo, che viene !

Là ci ha messo il Piacere
il suo nido zuccherato
per adescare, per rapire
ogni cuore delicato.

Al mondo non si può avere
una sorte più felice
che baciare, che succhiare
le labbruccia alla mia Nice.

Racconto inviato da: Giovanni Meli